L'educazione porno

Bandire la pornografia per salvare il sesso. La proposta del conservatore Douthat triangola con il #MeToo

L'educazione porno

Foto GillyBerlin via Flickr

New York. Ross Douthat, editorialista conservatore del New York Times, ha avanzato una modesta proposta: bandire la pornografia. Che nei termini odierni significa bandire la fonte quasi esclusiva, accessibile istantaneamente e gratuitamente da qualsiasi device, dell’educazione sessuale di varie generazioni, e forse anche della cultura più in generale. Circolano spesso mappe delle parole chiave più cercate nei vari paesi sui principali portali porno, e da queste si vogliono dedurre grandi tendenze socioculturali, come se fosse una specie di paniere globale...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    13 Febbraio 2018 - 13:01

    Tutte fregnacce.La pulsione sessuale nell'uomo è indefinibile che va dagli amori pastorali di Dafne e Cloe alle orgie più degradanti. I greci antichi che conoscevano di più il sesso raccontanto dal Kamasutra erano amanti della bellezza del bello e così alla maialeria del sesso misero sopra la foglia di fico dell'erotismo. Ariguardando il fare sesso in tutte le specie animali solo quello tra esseri umano ha varianti porcilesche . Tutto ciò che accade in natura è naturale. O no?

    Report

    Rispondi

Servizi