cerca

Il fascioambientalista Al Gore vuole punire gli scettici del clima

"Chi nega i cambiamenti climatici deve pagare un prezzo”, dice l'ex vicepresidente americano. Gli investimenti sulle energie rinnovabili stanno crescendo, ha spiegato a una platea di startupper ideologicamente allineati, e per “sostenere il trend dobbiamo rendere più costosi i combustibili fossili”.

17 Marzo 2015 alle 06:27

Il fascioambientalista Al Gore vuole punire gli scettici del clima

Al Gore (foto LaPresse/Reuters)

New York. Forse galvanizzato da un’arietta che lo vorrebbe ancora candidato alla presidenza, in rotta di collisione con Hillary, e certamente messo a suo agio dal consenso ideologico imperante in fatto di cambiamenti climatici, Al Gore non ha avuto paura di darci dentro, portando il solito discorso a un nuovo livello. Ora, dice, chi nega i cambiamenti climatici deve “pagare un prezzo”. Al festival SXSW di Austin ha enunciato la logica secondo cui i politici e gli scienziati che contestano la versione ufficiale sul riscaldamento globale dovrebbero essere sanzionati. Gli investimenti sulle energie rinnovabili stanno crescendo, ha spiegato a una platea di startupper ideologicamente allineati, e per “sostenere il trend dobbiamo rendere più costosi i combustibili fossili”. Per fare questo, ha concluso, “dobbiamo mettere un prezzo al negazionismo”. Non ne fa un fatto d’opinione, il gran maestro di tutti i catastrofismi ambientali, ma di evidenze scientifiche incontestabili. E se sono incontestabili, chiunque si oppone può e deve essere legittimamente punito; è quasi un dovere civile imporre una gabella sulle idee che frenano la gran corsa verso un mondo sostenibile, contro ogni dato disponibile. Se si considera poi i disastri che Gore attribuisce ai cambiamenti climatici, forse i negazionisti vanno trattati addirittura come criminali di guerra: lo Stato islamico non è che l’ultimo anello di una reazione a catena iniziata con la siccità mediorientale, dunque è il minimo che chi nega l’inoppugnabile fenomeno venga punito. Gore non specifica se questo avverrà con un sistema di multe o con squadracce armate di manganelli biodegradabili, ma lui è certo che presto anche il Papa si unirà alla battaglia climatica con un’enciclica ad hoc, e allora nessuno potrà opporsi conservando la ragionevolezza. “Al Gore vuole punire i negazionisti (gli scettici?). Chi sono i prossimi, intere facoltà universitarie?” ha twittato sarcastico Rupert Murdoch, sentendo puzza di bruciato per il rogo del Primo emendamento.

 

Al Gore non è che il più illustre rappresentante del fascioambientalismo. A febbraio un gruppo di democratici al Congresso ha mandato oltre cento minacciose lettere ad altrettante istituzioni che ospitano o promuovono opinioni alternative sui cambiamenti climatici e sulle colpe dell’uomo in materia. I parlamentari chiedono ai think tank informazioni sulle fonti dei loro finanziamenti, paventando velatamente controlli su una materia delicata per  tutti i centri di ricerca. Di recente alcune inchieste giornalistiche hanno mostrato che illustri pensatoi di qualunque orientamento politico ricevono fondi da governi stranieri o vivono rapporti incestuosi con le banche d’affari di Wall Street, ma alla senatrice Barbara Boxer e ai suoi compagni interessa soltanto indagare se i nidi dei negazionisti sono finanziati dai signori del combustibile fossile. Il presidente dell’ultraliberista Cato Institute, John A. Allison, ha risposto a chiare lettere: “Non è una sorpresa per nessuno che non siate d’accordo con il Cato sui cambiamenti climatici, ma questo non vi dà il diritto di usare l’enorme potere dello stato federale per intimidirci”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi