Così Sylvia Plath tentò di opporsi al dolore di vivere

Poesia e frivolezza. In un saggio di Leonetta Bentivoglio le risonanze con l’arte di Pina Bausch

4 Dicembre 2017 alle 11:56

Così Sylvia Plath tentò di opporsi al dolore di vivere

Sylvia Plath

S’intitola Die Klage der Kaiserin (Il lamento dell’imperatrice) l’unico lungometraggio cinematografico realizzato da Pina Bausch: era il 1990. Oggi Leonetta Bentivoglio, scrivendo su Sylvia Plath, riprende quel titolo con un leggero slittamento e dà a un suo limpido saggio, appena uscito per le edizioni Clichy, il titolo Il lamento della regina (che è però il titolo esatto di una poesia di Plath del ’56). Si legge nel suo testo: “Ci si consenta un accostamento affettivo e forse arbitrario fra Pina e...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi