Ponte di Genova, dal crollo alla rinascita (14 agosto 2018 - 3 agosto 2020)

Redazione

Come siamo arrivati oggi all'inaugurazione del viadotto San Giorgio. Due anni di articoli, interviste e inchieste del Foglio 

Tre minuti di silenzio per ricordare i nomi delle 43 persone che il 14 agosto del 2018 hanno perso la vita a causa del crollo del ponte Morandi, il taglio del nastro e poi il passaggio delle frecce tricolore. Sarà breve e solenne la cerimonia di inaugurazione del nuovo ponte San Giorgio di Genova – oggi alle 18 – che dopo quasi due anni unisce di nuovo la città da ponente a levante. Da mercoledì sarà aperto al transito dei veicoli, dopo 15 mesi di lavori portati avanti da Webuild e Fincantieri che ieri hanno consegnato le chiavi a Marco Bucci, sindaco della città nonché commissario straodinario, protagonista dietro ai riflettori della ricostruzione che ha funzionato spedita, diventando in questi due anni l'eccezione in un paese di cantieri immobili. Sul viadotto che attraversa il Polcevera saranno presenti questo pomeriggio il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e tutti i rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali, insieme all'archittetto Renzo Piano, che ha costruito il progetto e lo ha donato alla città. 

      


     

Con un video sui social, la Polizia di Stato rende omaggio alle 43 vittime del crollo del Ponte Morandi a Genova, avvenuto il 14 agosto del 2018. "Ricordiamo e rendiamo omaggio alle 43 vite spezzate da quella tragedia"
 


     
   

Dal drammatico crollo fino al taglio del nastro, il Foglio ha raccontato cronache e prospettive sulla gestione dell'emergenza e sulla pianificazione della ricostruzione, senza tralasciare il tema della revoca della concessione ad Autostrade, che dopo l'accordo per ridimensionare la partecipazione della famiglia Benetton nella società resta ancora il concessionario chiamato a gestire l'entrata in esercizio dell'infrastruttura. Qui di seguito una selezione di articoli e commenti per ricordare e capire come siamo arrivati fin qui.      

       

L’Italia s'è fermata a Genova

Il ponte che crolla, la banca commissariata, le grandi opere da costruire. E poi la crisi e il mugugno, l’immobilismo trentennale, ma anche gli orizzonti difficili di una ripresa. Viaggio nei paradossi di una città in cui si specchiano il presente e il futuro del paese

  

Il ponte di Genova, cronistoria di un'impasse populista

Viaggio nel tempo, dal crollo del ponte Morandi al nuovo viadotto firmato da Renzo Piano. Dalla retorica incendiaria del M5s contro Benetton alla concessione ad Autostrade. E sul decreto di Toninelli decide la Consulta

    

L’altra lezione sul modello Genova

Ricostruzione record, collaudo bloccato. L’ideologia che fa male all’Italia

      

Genova e lo show dell’Italia che ce la fa

Il miracolo del nuovo Ponte Morandi è lì a mostrare un carattere spesso sottovalutato del nostro paese: saper far funzionare le cose. Come? Per esempio non trasformando ogni giorno l’immobilismo nell’unica forma di legalità consentita. Lezioni per il futuro

   

Il ponte che spiega l’Italia

La ricostruzione del viadotto di Genova è un esempio di efficienza. Governare la burocrazia ideologizzata è ancora possibile ma fino a che punto il modello è replicabile? Un girotondo

   

     

Genova come metafora

“Il nuovo ponte deve essere un messaggio per tutta l’Italia: basta stare fermi”, dice il sindaco Marco Bucci

          

Una botta di orgoglio a Genova

La demolizione del viadotto Morandi è un piano eseguito alla perfezione

         

I pugni di Genova contro la cultura del no

Bloccata, martoriata, con una banca malconcia e una popolazione ostaggio della decrescita. Gronda, Terzo Valico, il ponte in ritardo, il nord umiliato. Oltre il decreto. Genova è una Torino al cubo. Come nasce una nuova marcia contro l’immobilismo

        

Bucci, l'uomo giusto nel contesto sbagliato


Ritratto del sindaco di Genova che è stato nominato commissario per la ricostruzione. Dovrà ricostruire il ponte Morandi e sopravvivere al decreto kafkiano di Toninelli

      

Il capo di Fincantieri ci spiega il piano per ricostruire ponte Morandi

“I tempi decisionali sono lenti ma noi siamo pronti. Il bando? L’Europa concede deroghe”. Parla Giuseppe Bono

     

A che punto è la revoca della concessione di Autostrade? Il trilemma di Toninelli

Decadenza per via amministrativa, revoca per decreto o nazionalizzazione della A10? Tre soluzioni e nessuna buona per il Mit

  

Fare di un ponte il manifesto delle virtù italiane

Uno stress test contro l’inefficienza. Come trasformare la ricostruzione a Genova nel simbolo della forza di un paese

       

Il crollo di una promessa

A Genova credevamo di avere imboccato la strada verso una città migliore, invece ci troviamo a rimpiangere quella dei nostri padri. Mugugno con vista sulle macerie del viadotto Morandi

Di più su questi argomenti: