cerca

Perché abbiamo paura? La demografia con fiducia nel segno di Ambrogio

Un'anticipazione del discorso alla città dell’Arcivescovo di Milano

6 Dicembre 2019 alle 09:25

Perché abbiamo paura? La demografia con fiducia nel segno di Ambrogio

Foto LaPresse

Il futuro sono i bambini. Una crisi demografica interminabile sembra desertificare il nostro Paese e ne sta cambiando la fisionomia. Le proiezioni sul domani sono allarmanti, a quanto si legge, sia per il mondo del lavoro, sia per la sostenibilità dell’assistenza a malati e anziani, sia per il funzionamento complessivo della società. Le prospettive sono problematiche, ma ancora più inquietanti sono le radici culturali: perché nei Paesi dove sono possibili le migliori condizioni di vita nascono pochi bambini? Perché in Europa è diffusa una mentalità così ripiegata su di sé, da spaventarsi della vita e da rassegnarsi al declino? La nostra società ha forse deciso di morire?

 

Siamo autorizzati a pensare e a ripensare criticamente le nostre scelte. Io personalmente ho scelto di non avere figli. Ho sperimentato piuttosto la fecondità di una vita dedicata ai figli degli altri. Non ho figli, ma ho raccolto confidenze ed esperienze di molte famiglie e riesco a intuire la bellezza e la fatica di avere figli.

 

Desidero esprimere il mio incoraggiamento e la mia benedizione per tutti coloro che sperimentano la gioia di essere mamma e papà e di accogliere con tutte le attenzioni e le premure possibili i loro figli, e per tutte le coppie affidatarie e adottive che danno speranza a bambini che sono nati da altri, ma che sono accolti, amati, educati come propri: benvenuto, futuro!

 

Desidero esprimere la mia vicinanza a tutti coloro che vorrebbero avere figli, ma il loro desiderio di maternità e di paternità rimane incompiuto per problemi insuperabili.

 

Desidero far giungere la mia parola di benedizione e di gratitudine a tutti coloro che in molti modi si curano dei bambini, ai nonni e alle nonne che ringiovaniscono con i loro nipotini. Un grazie particolare a coloro che offrono assistenza alle madri in difficoltà all’interno dei consultori familiari, dei centri di aiuto alla vita, delle strutture pubbliche e convenzionate. Benvenuto, futuro!

 

Le difficoltà della gravidanza, la complessità delle situazioni, l’impulsività delle decisioni inducono talora le donne a interrompere volontariamente la gravidanza. Nel dramma dell’aborto nessuno può farsi giudice dell’altro. Deve essere impegno di tutta la società aver cura che nessuna donna sia sola quando è in difficoltà, deve essere impegno delle comunità cristiane e di tutta la società che siano offerte alle donne, che vivono gravidanze difficili in situazioni difficili, tutte le premure possibili per trovare alternative all’aborto, una ferita che può sanguinare tutta la vita.

 

Mi permetto infine di invitare i responsabili della pubblica amministrazione e i legislatori ad affrontare la questione della denatalità: in altri Paesi il tema è stato affrontato e si sono create condizioni più favorevoli, a quanto pare efficaci, per favorire le coppie che desiderano avere figli e dare loro condizioni serene di vita.

 

Anche il nostro Paese può percorrere sentieri culturali lungimiranti e fiduciosi e trovare gli strumenti adatti per promuovere una svolta e augurarsi proprio in questo senso: benvenuto, futuro!

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.tioli

    06 Dicembre 2019 - 17:03

    Quindi in sostanza: la denatalità è un problema, ma io non so cosa suggerire al riguardo; bravi quelli che fanno figli, per il resto vedetevela voi, caso mai chiedete aiuto alle istituzioni (magari non ci sarebbe un numero verde?).

    Report

    Rispondi

    • Bacos50

      06 Dicembre 2019 - 20:36

      E che cosa dovrebbe suggerire l'arcivescovo oltre a quello che ha detto? Crescete e moltiplicatevi?

      Report

      Rispondi

  • Bacos50

    06 Dicembre 2019 - 14:55

    «Io personalmente ho scelto di non avere figli. Ho sperimentato piuttosto la fecondità di una vita dedicata ai figli degli altri. Non ho figli, ma ho raccolto confidenze ed esperienze di molte famiglie e riesco a intuire la bellezza e la fatica di avere figli». Ecco una persona intellettualmente onesta che sa parlare alla gente. Una persona senz’altro colta ma consapevole dei propri limiti, perché con umiltà afferma di “riuscire a intuire” la bellezza e la fatica di avere figli, ma non sa realmente che cosa voglia dire vivere la maternità e la genitorialità e quindi va ascoltato volentieri. Di pseudo maestri inconcludenti ne abbiamo piene le tasche!

    Report

    Rispondi

Servizi