cerca

Quanto c'è di vero nella cosiddetta pista inglese sull'omicidio Regeni

Un'ipotesi suggestiva ma senza riscontri, che ricorda per molti versi le troppe indagini su "mandanti eccellenti" di cui certi pm sono specialisti

22 Agosto 2017 alle 06:00

Quanto c'è di vero nella cosiddetta pista inglese sull'omicidio Regeni

Manifestanti davanti all'ambasciata italiana al Cairo dopo l'omicidio Regeni (foto LaPresse)

Come promesso, oggi quarta e ultima puntata sull’omicidio Regeni e la cosiddetta pista inglese. Nel frattempo a puntare il dito su Cambridge si è aggiunto, a un ex capo di stato maggiore e consigliere politico di palazzo Chigi e a un ex capo dell’intelligence interna, anche un ex ministro della difesa, Arturo Parisi. "Scrivono di Cambridge giornalisti che in genere si occupano d’altro" stigmatizza in rete il responsabile italiano di Amnesty. Non è però il caso di Alberto Negri, grande esperto di cose orientali, che per la morte di Regeni evoca la categoria dei "soliti sospetti", avversari della politica mediorientale degli Usa e degli interessi italiani nell’area: Francia e Inghilterra. Un remake di Suez 1956, la nostalgia dei protettorati perduti sono le suggestioni, ma anche qualcosa di più, che contestualizzano la "pista" oltre alla reticenza dell’antica università – che però può essere spiegata come una reazione altezzosa a una non smagliante figura comunque fatta – e al ritrovamento del corpo il giorno degli accordi, saltati, fra Italia ed Egitto. Regeni, però, non era un dissidente egiziano e farne sparire il corpo può non essere apparsa una buona idea agli sgherri dei servizi egiziani. Dunque la pista inglese è suggestiva ma non ha riscontri, ricorda per molti versi le troppe indagini su "mandanti eccellenti" di cui certi pm sono specialisti. Resta il problema politico dei rapporti internazionali del nostro paese, per i quali gli ambasciatori in genere hanno una certa utilità, ma sarebbe deprecabile che qualche carabiniere piazzasse microspie a Buckingham Palace.

 

Una significativa intervista sul caso Regeni e la responsabilità britannica

La tesi non è nuova ma l’avallo è autorevole. La potremmo chiamare “la pista inglese”

L'omicidio Regeni e la pista inglese. Cosa c'è da sapere

Quelli di Tricarico sono pareri pesanti, ma la fotografia del rapporto fra università e intelligence nel mondo anglosassone è veritiera

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    22 Agosto 2017 - 11:11

    Egregio, comunque la si giri, ciò che andava a "ricercare" Regeni è immerso in una storia a far datat dal 1928 (Al Banna che fonda "Fratelli musulmani" in Egitto e, questi, si dirameranno dappertutto fino ai nostri giorni); dagli inizi sponsorizzati da Nasser e successiva lotta ...fino a arrivare all'oggi; dove esistono su youtube filmati di esponenti della Fratellanza che, negli Usa, hanno sponsorizzato durante le elezioni Il Clinton ieri e quindi la Clinton mesi or sono. In questo storico contesto, ancora non si è capito cosa stesse ricercando, nel rivoluzionario e rivoluzionato Egitto di oggi, Cambridge attraverso Regeni: il silenzio totale dell'Università sta a dimostrarne, nell'occasione scentifica in oggetto, la pochezza scentifica complessiva e la disastrosa incompetenza facilona nel mandare allo sbaraglio un dottorando in un "inferno" sociale, culturale, economico come l'Egitto di oggi nel quale anche i mitici SAS(Special Air Service inglesi)avrebbero avuto complicazioni.

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    22 Agosto 2017 - 11:11

    Egregio, comunque la si giri, ciò che andava a "ricercare" Regeni è immerso in una storia a far datat dal 1928 (Al Banna che fonda "Fratelli musulmani" in Egitto e, questi, si dirameranno dappertutto fino ai nostri giorni); dagli inizi sponsorizzati da Nasser e successiva lotta ...fino a arrivare all'oggi; dove esistono su youtube filmati di esponenti della Fratellanza che, negli Usa, hanno sponsorizzato durante le elezioni Il Clinton ieri e quindi la Clinton mesi or sono. In questo storico contesto, ancora non si è capito cosa stesse ricercando, nel rivoluzionario e rivoluzionato Egitto di oggi, Cambridge attraverso Regeni: il silenzio totale dell'Università sta a dimostrarne, nell'occasione scentifica in oggetto, la pochezza scentifica complessiva e la disastrosa incompetenza facilona nel mandare allo sbaraglio un dottorando in un "inferno" sociale, culturale, economico come l'Egitto di oggi nel quale anche i mitici SAS(Special Air Service inglesi)avrebbero avuto complicazioni.

    Report

    Rispondi

Servizi