Frau Milena

Dopo 20 anni passati a sculacciare tutti, l’istitutrice svizzera Gabanelli fa l’insoddisfatta in Rai

Frau Milena

Milena Gabanelli (foto LaPresse)

Sono un ammiratore della Svizzera, che fu Repubblica solitaria molto tempo prima della Rivoluzione francese, e non ha conosciuto la monarchia pur essendo custode di sentite tradizioni confederali e cantonali, ma sono contento di avere avuto una tata ciociara. Milena Gabanelli ha un’aria inquietante di istitutrice svizzera, e quando si riservò di accettare la candidatura a presidente della Repubblica offertale dai grillozzi ebbi il timore che dicesse di sì e salisse al Quirinale. Stavolta non si capisce bene perché abbia chiesto una aspettativa non pagata alla Rai, rimettendosi in riserva della Repubblica, insoddisfatta della prospettiva di lavorare con Antonio Di Bella, che tra l’altro canta bene e suona la chitarra magnificamente, e di mettere la sua sapienza digitale al servizio dell’azienda in una testata da rilanciare. L’istitutrice severa, la professionista che ha il puritanesimo zwingliano nella testa, la donna dallo sguardo disciplinare intransigente, apre un nuovo ciclo della saga del dissenso Rai invece di accettare una proposta formulata da un altro mezzo grillozzo, Carlo Freccero, il Doctor Confusus del Consiglio di amministrazione, oppure di mettersi sul mercato che la ingoierebbe in un sol boccone.

 

E questo dispiace. Frau Gabanelli ha fatto un buon lavoro di giornalismo investigativo e di denuncia, e lo ha fatto tutto in Rai passando da una direzione generale all’altra, da un regime all’altro, da un governo all’altro senza troppi problemi, sfruculiando i poteri economici, la politica dei partiti, il cognato di Tremonti, gli inserzionisti della Sipra, il tutto nella massima libertà e con l’aiuto di collaboratori di prim’ordine tra i quali il grandissimo Bernardo Iovene (del successore Sigfrido Ranucci dirò solo che non essendo vaccinato, perché è un no-vax, prese il morbo della complottite in relazione all’11 settembre, e questo non è poco pur essendo patologia giornalistica diffusa). Il punto è che la Gabanelli ha lavorato secondo il modello americano di Sixty Minutes, celebre trasmissione ultradecennale della Cbs, e con molti meno mezzi e uno spettro di interessi meno globale ha applicato un metodo straniante per le abitudini pigre dei banali talk-show, ha decentrato a Bologna il motore della sua impresa, l’ha condotta nella massima riservatezza, e si è data i tempi giusti per ottenere risultati a volte di una notevole importanza (a parte le bufale e le monotone ripetizioni del modello talkativo andante, che non sono mancate). La vedevo poco la sua “Report”, perché per me la cattiveria del mondo non è una notizia, e se devo dirla tutta gli intrighi del potere mi piacciono morbosamente, come le fidanzate di Maurizio Milani piacciono a lui, l’Innamorato fisso. A un certo punto, alla stessa età da me scelta per godermi il tempo emerito dell’ex direttore, Gabanelli ha deciso di mollare, nessuno l’ha cacciata, e la sua reputazione di lavoratrice instancabile e puntigliosa, diciamo pure di rompicoglioni, era al suo massimo. Perfetto.

 

Ora deve aver perso fiducia in sé stessa. I confratelli del Fatto (in tutti i sensi) dicono che è stata sbattuta fuori dal caro Mario Orfeo, che qui simpaticamente si chiama Moiro, perché alla Rai quelli bravi non sono tollerati. Be’, non si direbbe. Non è la Bbc, non è la Cbs, ma per vent’anni giusti l’istitutrice ha impartito la sua pedagogia e ha sculacciato i sederini del potere senza tregua sui suoi schermi. L’aspettativa non pagata, soluzione capricciosa ma onorevole, può ben essere una scelta di attesa in vista di un terreno professionale e aziendale che Milena giudichi più solido di quello che le è stato offerto. Può anche sembrare un rilancio sul mercato del dissenso e dell’autoemarginazione punitiva verso di sé e indirettamente verso una mamma piuttosto generosa. Che ha fatto Fazio più ricco, Vespa un poco più povero, e Frau Milena una inquietante istitutrice svizzera incazzata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    09 Settembre 2017 - 09:09

    Poveri noi, quante attenzioni e quanto interesse attorno alle vicende passate, presenti e future di tale Gabanelli! Non sarà mica che giornali e giornalisti continuano a perder lettori anche perché si parlano un po' troppo adddosso?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    08 Settembre 2017 - 12:12

    La Gabbanelli confezionava tortine avvelenate imitando nella struttura le migliori sceneggiature di Hollywood dei film di denuncia di corruzione politica .La sua morale si mostrò in tutto il suo splendore nella feroce lotta per avere copertura legale a fronte delle inevitabili querele . Non si raccanta ma Gabbanelli costò alla Rai molte centinaia di migliaia di euro per denunce .Se questa è una eroina moderna io sono San Giorgio .E' un serpant a sonettes.

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    07 Settembre 2017 - 23:11

    A pensar male: tra pochi mesi ci sono le elezioni. Sarà candidata?

    Report

    Rispondi

    • p.ascari

      08 Settembre 2017 - 10:10

      a pensar male: tra pochi mesi ci sono le elezioni. Non è che la Rai non vuole fra le palle giornalisti tipo Gabanelli? (A proposito: scommettiamo che non si candiderà da nessuna parte?)

      Report

      Rispondi

Servizi