"Vi spiego perché il nuovo contratto di Fazio è un affare per la Rai"

Il consigliere Rai Guelfo Guelfi difende la scelta del cda: "Avremo più prodotto allo stesso costo"

"Vi spiego perché il nuovo contratto di Fazio è un affare per la Rai"

Fabio Fazio (foto LaPresse)

Il Consiglio di amministrazione Rai ha approvato i palinsesti per la prossima stagione autunnale. L'offerta televisiva Rai per l'autunno sarà presentata mercoledì prossimo 28 giugno a Milano, all'Università Statale, e il 4 luglio a Roma nel centro congressi "La Nuvola". Manca solo qualche dettaglio e la firma di rito ma l'accordo tra la Rai e Fabio Fazio è praticamente
fatto. A scatenare polemiche sulla vicenda il compenso del conduttore: 11,2 milioni di euro per quattro anni di vincolo, comprese in quell'importo anche altre voci legate ai diritti e al format delle sue trasmissioni. L'accordo prevede che il conduttore faccia un numero maggiore di ore di trasmissione rispetto al passato, si parla di una ventina di ore. Il suo "Che tempo che fa" passa su Rai1 la domenica sera, e sempre sulla rete ammiraglia è previsto un programma il lunedì sera. Inoltre si parla di Fazio con un ruolo anche per il Festival di Sanremo, pur non conducendolo in prima persona. 

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Guelfo Guelfi, membro del cda Rai


 

Gentile Direttore,
Lei ricorderà che non sono mai stato a favore delle norme restrittive che impongono ai dipendenti Rai un tetto agli stipendi. Ma siamo in epoca di concorrenza demagogica e il Parlamento ha votato all'unanimità che quella regola si imponesse. Io con gli altri consiglieri del cda della Rai uniti intorno al nostro fu Direttore Generale Antonio Campo Dall'Orto e alla Presidente Monica Maggioni, giudicammo la restrizione capace di aggredire mortalmente i palinsesti dell'offerta televisiva che sotto gli occhi di tutti stanno mietendo risultati di gradimento degni delle stagioni migliori. Da allora ne è passata di acqua sotto i ponti. Abbiamo un nuovo Dg, si chiama Mario Orfeo, un parere dell'avvocatura e una lettera del Mise a firma Antonello Giacomelli.

 

Tre cose che consentono la precisazione di contenuti su cui appoggiare poche e ben motivate deroghe. Il tetto non vale per prestazioni artistiche che generano valore misurabile e misurato. Soldi e fama. In altre parole successo. Questo ha fatto si che oggi il Consiglio di amministrazione abbia accolto la proposta di contratto - istruita dal Dg - che lega e legherà Fabio Fazio alla Rai. 32 più 32 puntate, più altro di contorno, più tutto l'ambaradam, più il passaggio da Rai 3 a Rai 1 il tutto per gli stessi soldi che venivano spesi prima. Quindi più prodotto stesso costo. Ora a prescindere dal fatto che a uno può non piacere Fazio ma l'affare c'è e la Rai lo fa. Questo fa andare Michele Anzaldi fuori di testa e spinge Carlo Freccero ad abbandonare l'aula prima del voto. Un inedito: Anzaldi e Freccero talmente veloci da correre affiancati. La Rai è fatta così. Prima le scenate, dopo le comiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gheron

    24 Giugno 2017 - 20:08

    E chi è 'sto Carneade? Figlio di Onorevole, sindacalista o giornalista tutto d'un pezzo? Leggere Aristofane, Giovannino Guareschi, la Bibbia, il Kama Sutra, Machiavelli o Paperino costa niente e rende tanto. Possibile che gli Italiani riescano ancora a sopportare l'insulto di un pizzo a mantenere questo MinCulPop sempre più indecente e sempre più vorace?

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    24 Giugno 2017 - 17:05

    E se fra un anno non dovesse dare i risultati previsti, spero che sia in essere, nel contratto, una clausola che preveda una diminuzione o un licenziamento: se uno è veramente un artista tanto poi lo trova un lavoro a circa 3 milioni/anno o no?. Certo se l'attività artistica del sig.Fazio è quella di fare domande dalle cento pistole i 3 milioni l'anno li troverà alla CBS. Certo che Lei, a leggerla, è un manager alla Marchionne: immagino che prima di approdare nel c.d.a Rai il suo back ground si sarà irrobustito nel business dello spettacolo: magari direttore creatvo della "Firenze multimedia", società in house della provincia di Firenze creata da Renzi,,, insomma da Lotta Continua al c.d. a. Rai: mi sono documentato, letto il nome (un nome una garanzia) attraverso quel simpatico fogliante di David Allegranti Ps per il sig.Guelfi: "ambaradan" è il nuovo ballo che lancerà Fazio? Wow che goduria.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    24 Giugno 2017 - 13:01

    Varennes è stato un mito.Ha avuto figli vincenti,nipoti vincenti, qualche pronipote vincente e forse anche qualcuno finito in macelleria. Così è la Rai . E' nata campionissima ( qualche decennio straordinario ) poi il declino .Oggi in Rai ci sono i figli dei pronipoti di Varennes. Programmi solo paccottiglia con qualche impennata e per alzare l'audience si ricorre alle vecchie glorie o a programmi stagionati ma usato sicuro. Bernabei si rivolta nella tomba Anton Giulio Maiano pure. Ma il tetto alle retribuzioni delle supposte star no. Tertius non datur ,o vanno cacciate o siano pagate senza limiti . Queste star ,salvo eccezioni (Paolo Conti) sono come le drag queen ,viste da lontano. E se Gazebo riscuote successo tanto da essere rubata alla Rai significa che il gusto del telespettatore è come quello dei vegani .Avete mai assaggiato una majonese vegana?

    Report

    Rispondi

  • pia.banchelli

    24 Giugno 2017 - 10:10

    Fazio. Che Dio lo benedica. Con quelle trasmissioni ripetitive, con la sua corte di buffoni e di sguaiate, Litizzetto docet., con quella sua cortesia da falso prete. Pazienza. Lo pagano tanto? Troppo? Basta non guardare i suoi programmi e flopparlo. E finalmente si capirà che persino un documentario sulle foche monache vale di più. W LA RAI. Pia Banchelli

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi