Dalla a alla zeta

Dopo ottantaquattro giorni d’attesa inizia un campionato di calcio che promette finalmente di farci divertire tutti. Ecco perché

La serie A dalla a alla zeta

Foto LaPresse

Ottantaquattro giorni dopo ci siamo. Parte un campionato che ha quasi abbattuto la follia della pausa invernale, ma che è ancora distante dal sogno di un’estate dispari in cui non ci sia più di un mese vero senza pallone. Ottantaquattro giorni sono un’enormità, che questo weekend di inizio serie A finalmente azzera. Ricominciamo a respirare calcio vero, dopo che però tante cose che spesso abbiamo giudicato finte quest’anno si sono improvvisamente concretizzate. Indizi di felicità pallonara arrivati dal mercato di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    19 Agosto 2017 - 13:01

    Bellisima la gamba morta di Higuain per cuccarsi il fallo. I giocatori sono atleti straordinari e della meccanica del movimento degli arti -braccia gambe- hanno tempi di reazione sotto i decimo di secondi .E qui casca l'asino perchè l'arbitro ha gli stessi tempi e non avendo disimmetria se la prende nel sedera e lo stesso l tecnologia,poichè rallentando all'estremo le immagini si sgranano e cos' tutti felici a gridare arbitro cornuto e cornuta nuova tecnologia.

    Report

    Rispondi

Servizi