Una natalizia carneficina

San Bonaventura, avresti trovato molto natalizio anche l’abbattimento a Sesto San Giovanni del tunisino ribelle a Cristo e perciò stragista contro innocenti

Una natalizia carneficina

Il luogo fuori Milano dove è stato ucciso lo stragista di Berlino (foto LaPresse)

San Bonaventura, ti rileggo e ritrovo un Natale per nulla melenso. Senza panettoni, panzoni vestiti di rosso, palle sugli alberi e nella testa della gente. Nel sermone “De nativitate Domini” ti compiaci del fatto che nel giorno della Natività “tutti i sodomiti, uomini e donne, morirono su tutta la terra, secondo quanto ricordò San Gerolamo” e che “circa trentamila ribelli furono uccisi per manifestare la nascita di colui che avrebbe conquistato alla sua fede il mondo intero e avrebbe precipitato i ribelli nell’inferno”. Una natalizia carneficina. San Bonaventura, avresti trovato molto natalizio anche l’abbattimento a Sesto San Giovanni del tunisino ribelle a Cristo e perciò stragista contro innocenti. San Bonaventura, tu non avresti riconosciuto come cristiano il cardinale Parolin, giustificazionista (del terrorismo: “cause sociali”) e collaborazionista (coi ribelli a Cristo: “fratelli profughi”). Nemmeno io. San Bonaventura, gli auguri di Buon Natale vorrei farli solo alle persone di idem natalizio sentire e quindi a pochissime persone e innanzitutto a te.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    25 Dicembre 2016 - 08:08

    Nel giorno della natività morirono tutti i sodomiti, uomini e donne e san Bonaventura se ne compiace. Che cara persona!

    Report

    Rispondi

  • Francesco

    24 Dicembre 2016 - 12:12

    Auguri di Buon Natale a te, caro Langone, rara voce libera nella poltiglia di miele che ci avviluppa e ci sommerge. Che san Bonaventura ti protegga e ti preservi.

    Report

    Rispondi

Servizi