Il vero abbraccio che fa male alla sinistra

A sinistra rinasce lo spirito dell’Unione, dove ognuno fa come gli pare

Il vero abbraccio che fa male alla sinistra

Giuliano Pisapia e Roberto Speranza (foto LaPresse)

Ripartono le comunicazioni a sinistra per la costruzione “dal basso” della grande alternativa unitaria al renzismo. Roberto Speranza, uomo di punta di Mdp (Massimo D’Alema premier) si è sentito telefonicamente con Giuliano Pisapia, dopo che l’ex sindaco di Milano aveva fatto saltare un incontro per aver ricevuto forti critiche da Speranza su una questione fondamentale per le sorti della nuova sinistra: l’abbraccio di Pisapia con Maria Elena Boschi. La ferita si è rimarginata e così si sono sentiti per telefono...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    04 Agosto 2017 - 10:10

    Forse nessuno se ne è accorto ma tutti i politici sinistri citati ,anche non ufficialmente dichiarati sono tutti leader . Un bel grattacapo per una sinistra che vuole compattarsi e tentare di combinare quaccheccòsa alle elezioni!

    Report

    Rispondi

Servizi