Provaci ancora Giuliano

Pisapia è prigioniero della trappola dalemiana. Ha la forza politica di liberarsi?

Provaci ancora Giuliano

LaPresse/Roberto Monaldo

Giuliano Pisapia ha risposto con un tono interlocutorio camuffato da fermezza all’offerta di Matteo Renzi che, convinto che si andrà a votare con le norme derivate dal copia-e-incolla della Consulta, gli ha proposto un accordo per le liste del Senato, dove lo sbarramento dell’8 per cento sembra irraggiungibile per le formazioni a sinistra del Pd. Pisapia, in realtà, è interessato a mantenere aperto un canale con il Partito di Renzi, anche perché solo questo aspetto lo differenzia dagli scissionisti. Però teme che nella strategia renziana per lui ci sia solo uno spazio da “indipendente di sinistra”, il che contrasta con la sua ambizione di promuovere un “campo progressista”. Così dopo aver lanciato una proposta apparentemente provocatoria di primarie del centrosinistra tra lui e Renzi, nella pratica si limita a porre la pregiudiziale di un’esclusione di accordi (comunque impossibili prima delle elezioni) con Silvio Berlusconi. Pisapia sa che non si può cancellare il percorso congressuale del Pd e la scissione che lo ha preceduto, ma vorrebbe imporre a Renzi una procedura, mentre Renzi cerca di attenuare le tensioni interne al gruppo parlamentare Pd. Quinto leader non parlamentare, pure Pisapia ha problemi a confrontarsi con i gruppi, lontani dalla sua sensibilità garantista. Prigioniero della trappola dalemiana, guarda fuori dalla cella con nostalgia e rimpianto, ma non sembra abbia la forza politica di liberarsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    11 Giugno 2017 - 11:11

    Scusate ho avuto un flash rileggendo il mio commento. Che precursore è stato Carosone con due canzoni che fotografano il "pappagallo": "Tu vuò fa l'americano" e dialetticamente in escandescenze "U sarracino", in quest'ultimo caso soprassediamo alla licenza poetica "bello quaglione".

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    11 Giugno 2017 - 11:11

    "Cara" Redazione: passate dal "Nazareno"al Togliatti Rewinded;non crederete mica che Renzi sia una trottola.O, anche, si? Capisco che Trump ha sparigliato carte e cervelli per cui vecchi arnesi inglesi,sono amati dai millennial (?) ;nuovi arnesi sovranisti ( mai sentito gridare con foga sovrumana W l'Italia da un presidente italiano come Macron "W la Francia" nel suo ultimo discorso); old camalli travestiti da cow-mature che usano i capelli come uno Stetson con bretelle, che danno in escandesenze quando gli fanno notare che KYOTO è una bufala in relazione ai miseri obiettivi da raggiungere e quindi, da buon pappagallo, ripete le solite litanie dell'ONU (che ricordo ha eletto l'A.Sudita a rapresentante dei diritti dell'uomo nel mondo) e del rappresentante dei pusillinami americani in Italia (veri e non acquisiti da Obama )quasi omonimo del buon economista di Chicago.Ora se il vecchio cow-old lancia parolacce su Trump ok, quando però attacca una sua collega è solo un pappagallo (copia).

    Report

    Rispondi

  • karlocapua

    10 Giugno 2017 - 00:12

    RENZI NEL PD NON HA SPERANZA DI POTER FARE POLITICA. QUEL PARTITO E' UN LUOGO DI AGGUATI. O ABBANDONA IL NAZARENO O ABBANDONA L'IDEA DI POTER TORNARE A PALAZZO CHIGI.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    09 Giugno 2017 - 23:11

    Pisapia è un oleogramma o un personaggio dei cartoon.Con buona volontà i media lo hanno miscelato ai veri viventi come nel film mistai con attori e animazione. Sta avendo successo ma altri film lo sostituiranno a breve.

    Report

    Rispondi

Servizi