Il pasticcio di Grillo sul suo blog svela una delle grandi truffe grilline

Il leader dei 5 stelle spaccia per libertà d’espressione la libertà di sputtanamento

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

Il pasticcio di Grillo sul suo blog svela una delle grandi truffe grilline

Beppe Grillo (foto LaPresse)

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • p.ascari

    16 Marzo 2017 - 12:12

    Scusate, ma se Ruby era la nipote di Mubarak, e se il Cav si è gettato in politica contro i suoi interessi per il bene del Paese che ama, perchè mai il blog di Grillo non potrebbe non essere di Grillo? Le fake news, mica le inventate Trump eh. Per la serie, "noi (del Foglio, ndr) ci chiamiamo fuori". Ma non potete.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo.tocco.lt@gmail.com

    lorenzo.tocco.lt

    16 Marzo 2017 - 11:11

    Promemoria: Articolo 67 della Costituzione: "Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato". Non ogni eletto.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    15 Marzo 2017 - 22:10

    Neofascisti di seconda scelta nascosti dietro le loro tastiere. Almeno i neofascisti originali ci mettevano il culo e si prendevano le sprangate.

    Report

    Rispondi

Servizi