Cosa cambia per i fannulloni dopo l'approvazione del decreto Madia

Il Consiglio dei ministri ha approvato i due decreti del ministro per la Pa sui licenziamenti lampo dei “furbetti del cartellino” e sul taglio alle partecipate pubbliche

madia

Marianna Madia, ministro per la Pubblica Amministrazione (foto LaPresse)

Si possono licenziare i fannulloni nella Pubblica Amministrazione. Il Consiglio dei ministri ha approvato i due decreti del ministro Marianna Madia sui licenziamenti lampo dei “furbetti del cartellino” – dipendenti della Pa che usano i badge per simulare l’ingresso sul posto di lavoro e poi tornano a faccende private - e sul taglio alle partecipate pubbliche.

 

Si tratta di due dei tre decreti con i correttivi imposti dalla Consulta. Lo scorso novembre infatti, la Corte costituzionale aveva bocciato i decreti a seguito di un ricorso della regione Veneto e aveva stabilito che non era sufficiente il semplice "parere" della Conferenza stato-regioni ma era necessaria "un'intesa" tra le parti.

C’è del metodo, nei veti della Consulta

Bocciata parte della legge Madia. Lo status quo come Eden della Pa

Riguardo al decreto sui licenziamenti nella Pa il testo fissa un tempo certo di 48 ore per la sospensione e di 30 giorni per lo svolgimento e la conclusione dell’iter disciplinare nei confronti del dipendente, dopo di che sarà possibile il licenziamento in caso di abusi provati.

 

Entro il 30 giugno gli enti pubblici dovranno presentare dei piani con l’elenco delle partecipazioni da eliminare perché fuori dai nuovi target: fatturato sotto un milione di euro, più amministratori che dipendenti. La competenza sugli accertamenti passa dalle Asl ai medici dell'Inps, con la creazione di un polo unico per pubblico e privato. Grazie a un sistema informatico avanzato le visite saranno mirate.

Accordo raggiunto tra sindacati e governo per il rinnovo del contratto degli statali

Aumento medio di 85 euro lordi al mese negli stipendi dei dipendenti della pubblica amministrazione. "Riconoscere il merito, scommettere sulla qualità dei servizi", esulta Renzi

Quanto al terzo decreto sul riordino della dirigenza sanitaria, sarebbe stato rinviato per cortesia istituzionale perché mancava il ministro della salute Beatrice Lorenzin.

 

Slitta dunque al Cdm della prossima settimana l'approvazione del Testo unico del pubblico impiego, che deve essere realizzato entro il 28 febbraio per poi passare all'esame del Parlamento. La ministra Madia sta lavorando alla stesura finale, anche alla luce del confronto con i sindacati avuto nei giorni scorsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    17 Febbraio 2017 - 18:06

    Sono due anni che si parla di questa riforma e ancora manca qualche decreto. Ecco dove non ci siamo, con i risultati che non soddisfano .

    Report

    Rispondi

Servizi