Esperimento: come Travaglio avrebbe descritto gli slurp di Travaglio su Raggi

Il nome del direttore del Fatto compare in una delle intercettazioni legate al caso Marra. Ma cosa avrebbe scritto il giornalista se si fosse trattato di un altro? Abbiamo provato a immaginarlo

Marco Travaglio

Marco Travaglio (foto LaPresse)

In una delle intercettazioni presenti nel fascicolo che riguarda Raffaelle Marra, ex braccio destro del sindaco di Roma Virginia Raggi arrestato pochi giorni fa per corruzione, “spunta”, come direbbe Travaglio, il nome di Marco Travaglio. Le intercettazioni a noi non piacciono e neanche le leggiamo (semmai ce le raccontano). Ma cosa sarebbe accaduto se Travaglio avesse applicato a se stesso lo stesso metodo utilizzato con chi non è Travaglio? Cosa avrebbe scritto? Abbiamo provato a immaginarlo. Quelle che seguono sono quasi tutte parole sue. 


Un minuto di raccoglimento per la morte del giornalismo. Una categoria che, pur generalmente malfamata, nel secolo scorso vide l’Italia primeggiare nel mondo con fuoriclasse come Montanelli, Bocca, Biagi, Rinaldi. E oggi si può dichiarare, salvo sparute eccezioni, ufficialmente estinta. Costretti a scodinzolare appresso a Beppe Gribbels; ridotti ad applaudire una conferenza stampa (in cui le domande non sono ammesse) della virginea Raggi; impegnati a camuffare da critiche le più invereconde marchette al Movimento cinque stelle (cadenti), i giornalisti italiani fanno di tutto per giustificare la pessima fama di cui godono.

Prendiamo un tal Marco Travaglio, che un mio amico un po’ pervertito – legge il Fatto – mi ha segnalato. Come tutti sanno è stato arrestato per corruzione Raffaele Marra, il braccio destro della sindaca di Roma, già collaboratore di Franco Panzironi, quello di Mafia Capitale. Pare si fosse fatto comprare la casa dal palazzinaro della casta Sergio Scarpellini. Ed ecco che il sagace Travaglio, uno al quale evidentemente non gliela si fa, scrive: “Poteva la Raggi immaginare che, tre anni fa, Marra, si era fatto pagare una casa da Scarpellini? Alzi la mano chi lo sapeva”. Lo sapevano tutti. Da almeno tre mesi. Cioè da quando, sull’Espresso, Emiliano Fittipaldi scrisse che Marra “comprò un attico di lusso dal gruppo di Sergio Scarpellini ottenendo uno sconto di quasi mezzo milione di euro rispetto ai prezzi di mercato”. Luca Bertazzoni, inviato di “Piazza Pulita”, addirittura ci entrò con le telecamere in quel palazzo. Ma il giornalista (per mancanza di prove) Travaglio, questo non lo sapeva. Trattandosi di inchieste giornalistiche, oggetto a lui sconosciuto, lui ignora tutto, e si spalma sulle veline di Grillo come crema idratante: “Raffaele Marra, ex finanziere plurilaureato” – altro che Valeria Fedeli – “ha collaborato con le giunte Alemanno e Polverini, come pure con Zingaretti e Marino, almeno finché non lo cacciavano, il che avveniva regolarmente perché troppo ‘giacobino’ (parola di Alemanno), cioè perché denunciava un sacco di porcherie in procura”.

Sciogliere il Movimento 5 stelle

Democrazia no grazie. Il caso Raggi svela la truffa legale del blog solo al comando, che rende il Movimento grillino incompatibile con la Costituzione-più-bella-del-mondo

Vi sembra troppo? Macché. Dopo questa descrizione da lecchino d’oro, dalla quale Marra non si è più riavuto – cose così non se ne vedevano da quando Travaglio andò a intervistare Gribbels a casa sua (“Grillo se la ride mentre strimpella la sua pianola canticchiando una base vagamente jazz nel salotto della sua villa bianca sul mare di Sant’Ilario”) – viene il bello. Prosegue infatti questo campione della satira involontaria anzitempo scippato ai teatri di avanspettacolo: “Appena la Raggi l’ha chiamato come vicecapo di gabinetto, Marra è diventato il paria, l’appestato, l’uomo nero. Per smorzare la tensione, la sindaca l’ha spostato al Personale. Invano: Marra continua a occupare ogni giorno una o due pagine dei giornaloni”. Un perseguitato, insomma. Una via di mezzo tra Sakharov e Nelson Mandela. D’altra parte, prima che Grillo si accorgesse di quanto facesse schifo la giunta, e commissariasse la Raggi, il giornalista (si fa per ridere) aveva già intinto più volte la penna nella saliva: “Sulla qualità della giunta c’è poco da obiettare: la squadra resta di buon livello, con punte di eccellenza e una generale indipendenza dal M5s” (ahahah, facce Tarzan!). Poi uno dice che l’Italia ha perso altre 24 posizioni nella classifica sulla libertà di stampa. E non che ci fosse bisogno delle doti del divino Otelma per capire qual era l’andazzo in Campidoglio e che soggetto fosse Marra, tant’è vero che l’aveva capito anche Roberta Lombardi (non proprio una con l’acume di Sherlock Holmes).

Ma per quel travaglione il problema dell’amministrazione capitolina era il capo di gabinetto Carla Raineri, un magistrato con qualche decina d’anni di onorata carriera (mica il braccio destro di Panzironi), colei che ha denunciato in procura le porcherie della banda del Campidoglio. Una leccata nelle pagine pari e una scudisciata in quelle dispari. L’errore della Raggi non è stato quello di non cacciare a pedate Marra, dice il Nostro, ma quello di non aver buttato fuori prima la grande accusatrice: “Raggi ha tollerato i troppi galli nel pollaio, senza allontanare la Raineri dopo le imbarazzanti interviste da genio incompreso”. E invece quel genio intravagliato aveva capito tutto di Marra dopo averlo incontrato di persona: “Noi, quando Marra balzò ai disonori delle cronache, gli chiedemmo un incontro. Si presentò con una valigia di faldoni per documentare il suo curriculum, le sue lauree, la correttezza delle sue condotte e le denunce che aveva presentato contro il malaffare capitolino. Lo avvertimmo che avremmo verificato ogni carta. E così facemmo”. Ce l’aveva nell’angolo, pronto a infilzarlo. Il controllo fu talmente rigoroso che Marra e un suo sodale, intercettati dai pm, parlando di Travaglio dicono, con goduria: “Ha fatto proprio un bel lavoro”. Slurp, che bel lavoretto! E d’altra parte questo campione del giornalismo da riporto deve avere proprio il fiuto del cane da tartufo per i Finanzieri (Marra, tra le altre cose, è un ex della Guardia di finanza): lui li riconosce subito quelli onesti. Gli basta una leccata.

L’ultimo frequentato, prima di Marra, fu Pippo Ciuro, maresciallo in servizio presso la Dia di Palermo. Con lui si limitava a passare le vacanze insieme in Sicilia (“giocavamo a tennis e facevamo lunghe chiacchierate a bordo piscina”, diceva Ciuro). Era uno che ti fa dormire tra due guanciali, Ciuro. Tant’è vero che i due finirono beccati in una intercettazione a parlare di “cuscini”. Poco dopo, Ciuro, che era già indagato mentre si spalmavano la crema abbronzante “a bordo piscina”, lo hanno condannato per aver favorito Michele Aiello, un prestanome di Bernardo Provenzano condannato a quindici anni per associazione mafiosa. Il buon fiuto non si smentisce mai. Prima di Marra, questo fuoriclasse dall’intuito sopraffino aveva garantito un’altra volta sulla bontà di qualcuno, chiedendo al presidente della Repubblica – niente meno – di farlo uscire di prigione: “Ora graziate Fabrizio Corona. E’ un ragazzo che ne ha combinate di tutti i colori senza mai far male a nessuno”. Nemmeno il tempo di scarcerarlo, che il povero Corona lo hanno rimesso dentro perché nascondeva un borsone pieno di soldi in un controsoffitto di casa. Tre su tre. Ne arrestano meno quando Travaglio è manettaro. Ma tra tutte le qualità di questo cane da tartufi, diciamo forse più un chihuahua da compagnia, ciò che manca è la fedeltà ai propri ululati a senso unico. Ieri, dopo l’arresto del “plurilaureato” Marra, Travaglio Nostro, come un Dudù qualsiasi, è tornato a cuccia dimenticando tutte le perle di purissima bava che pur ci aveva regalato: “Anche la Raggi era stata messa in guardia più volte su Marra. Ma lo aveva sempre testardamente difeso”. Perbacco! “Col senno di poi, ha sbagliato, come ha ammesso lei stessa: ‘Culpa in eligendo’, ma non ‘in vigilando’”. E lui invece? La sua è “culpa in leccando”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    21 Dicembre 2016 - 01:01

    A Redazione, bravi, godibilissimo. Ma siamo signori, pensiamo un po' come sarebbe ridotto il "heros amicorum tergarum delingendi", se i grillini, come hanno già fatto già molti altri, avessero smesso di acquistare il FQ. Business is business. Igitur: "Delingendo, delingendo, che male ti fo?" Poi, come diceva il grande Indro: "I miei padroni sono i miei lettori". Poiché ha visto che fine fece la Voce a cambiare target, figuriamoci se Lui abbia intenzione di cambiarlo e di seguire il Maestro. Finché dura ... , anzi per farla durare: "Usque dum vivat, semper delinget"

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    20 Dicembre 2016 - 23:11

    ah ah! Bello, si fa per dire. Descrivendo Travaglio come lo descriverebbe Travaglio vien fuori il vero Travaglio: un fascistoide bravo nel suo genere.

    Report

    Rispondi

Servizi