Grazie ai reportage di Lucia Goracci la liberazione di Mosul è arrivata anche in Italia

Occorre avere dei mezzi per fare bene un lavoro simile

Grazie ai reportage di Lucia Goracci la liberazione di Mosul è arrivata anche in Italia

Lucia Goracci (foto LaPresse)

La liberazione di Mosul dalla banda di tagliagole dell’Isis e dall’impostura del Califfato è, nonostante il troppo tempo trascorso e il costo ancora feroce, e qualunque disastro riservi il futuro, un avvenimento memorabile. Voglio ripetere che alla televisione italiana lo si è potuto seguire adeguatamente soprattutto grazie ai reportage di Lucia Goracci per la Rai. Occorre avere dei mezzi per fare bene un lavoro simile. E occorre qualcuno, o, sempre più spesso, qualcuna, che lo sappia fare bene: con intelligenza, cuore e coraggio. Nel suo caso, per una rara volta rispetto all’informazione italiana, è successo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Dario

    Dario

    05 Luglio 2017 - 14:02

    Caro Sofri, mi unisco ai complimenti alla Goracci, che davvero è inviata straordinariamente coraggiosa! Speriamo che abbia letto questa rubrica, ma soprattutto che qualcuno di quelli che contano alla Rai glielo riconosca!

    Report

    Rispondi

Servizi