Being Armani: "Interpretarmi? Ethan Hawke. O James Dean"

“The assassination of Gianni Versace”, secondo serial dell’antologia American Crime Story, pare stenti a trovare l’interprete adatto per il ruolo di “re Giorgio”

Being Armani: "Interpretarmi? Ethan Hawke. O James Dean"

Giorgio Armani (LaPresse)

"Un attore che potrebbe interpretarmi?”. Giorgio Armani abbozza un sorriso, del tutto ignaro dei pensieri che vanno facendo su di lui a Hollywood e spero ci perdonerà se non abbiamo potuto dirglielo lì per lì, ma dargli un pensiero mentre si prepara a far sfilare la collezione di couture a Parigi ci sembra inopportuno, pur morendo dalla curiosità di ascoltare il suo parere. “Forse Ethan Hawke: lo guardavo qualche tempo fa e mi sembrava mi somigliasse. Però”, e qui gli occhi sempre azzurrissimi si accendono di un lampo di malizia, “un tempo mi sembrava di somigliare a James Dean”, che è certamente vero, ma che è anche un’indicazione un po’ impossibile da seguire per gli sceneggiatori di “The assassination of Gianni Versace”, il secondo serial dell’antologia creata da Ryan Murphy per American Crime Story, blockbuster di Fox che, dopo aver identificato in Penelope Cruz l’interprete ideale per il ruolo di Donatella Versace e in Edgar Ramirez il volto ideale per rappresentare lo stilista ucciso davanti alla sua villa di Miami il 15 luglio 1997, pare stenti a trovare l’interprete adatto per il ruolo di “re Giorgio”.

   

Una parte piccola ma significativa: Armani, che tuttora i media identificano come il contraltare, l’opposto perfetto allo stile di Versace (è entrata nella storia la battuta apocrifa fra i due alle prove di una sfilata di “Donna sotto le stelle” molti anni fa: “Tu vesti le donne eleganti e un po’ suorine. Io le zoccole”), ha infatti tratti delicati, affilati, molto lontani da quelli degli attori di oggi e che, peraltro, sul red carpet vestono quasi esclusivamente gli smoking del sire di via Borgonuovo, Martedì, al Palais de Chaillot dove sfila dalla prima collezione della linea couture, aveva una buona percentuale della Hollywood che conta seduta in prima fila per la sua spettacolare collezione couture fatta di materiali eclettici, soutage in ciré e tundra di seta e cloche a veletta in evoluzione moderna rispetto a quelle che ombreggiavano il volto di Greta Garbo: premi Oscar e César come Sophia Loren, Kate Winslet, Naomi Watts e Isabelle Huppert.

 

Sullo sfondo e all’ingresso della sfilata, le immagini degli affreschi, degli stucchi e dei lavori di ebanisteria di Palazzo Orsini di via Borgonuovo 11 a Milano, un tempo Palazzo Roma, affacciato sull’Orto Botanico di Brera, affrescato da Andrea Appiani con leggiadri motivi di amori olimpici e dotato di uno scalone di cui parlavano i viaggiatori del primo Ottocento nei loro appunti di viaggio. Uno scatto di orgoglio nella capitale francese per la sede della propria maison, e la propria residenza, che ha deciso di aprire agli ospiti più importanti, e anche un piccolo avvertimento alla Fédération de la Haute Couture et de la Mode che ha appena cambiato nome perdendo in apparenza anche un po’ il senso della propria missione. Sotto l’egida di una alta moda presunta, a Parigi in questi giorni si sta vedendo davvero di tutto. “Mi piace il confronto elevato, non la confusione che vedo in giro, le firme che mettono in vetrina t shirt come fossero altro. Bisogna distinguere, e forse anche recuperare le cose fatte con sentimento”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi