The Razzi show

Il problema non è il selfie con Assad. E’ che la nostra politica estera ha lasciato campo libero agli improvvisatori

The Razzi show

Ospite a “La Zanzara” su Radio24, Razzi ha detto: “Assad mi ha detto che io ero molto importante e mi ha chiesto: ‘Mr. Razzi? Ah, selfie… selfie?’” (foto dal profilo Twitter @senantoniorazzi)

C’è un momento in cui la commedia politica italiana, mentre percorre l’accidentato percorso tra l’intrattenimento, lo show e gli affari pubblici, smette di far sorridere. E’ il momento in cui le cose si fanno serie, diventano questioni internazionali, e l’arte politica diventa diplomazia, esperienza, saper stare al mondo, e poi anche Realpolitik, interesse nazionale, perfino l’immagine di un paese. Così, in un Parlamento abitato da cittadini eletti che credono alle sirene e negano l’allunaggio, nel luogo sacro della democrazia che...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi