Scrivere e parlare al tempo del web

Non siate troppo severi: l’italiano è vivo e lotta insieme a noi

I requiem per la “morte del congiuntivo”: prematuri. La pervasività dell’inglese: più un’impressione che un’effettiva realtà. I neologismi orrendi: si dimenticano presto. Un dantista in difesa della lingua che cambia

Albert Anker, “Ragazzo che scrive con la sorella”, 1875 (collezione privata)

Albert Anker, “Ragazzo che scrive con la sorella”, 1875 (collezione privata)

Nella classifica dei modi in cui gli italiani si sono più o meno metaforicamente scannati tra di loro nel corso della storia, un posto eminente occupano quegli scontri che non hanno fatto scorrere sangue (anche se, a dirla tutta, non ci giurerei), bensì i proverbiali fiumi di inchiostro: e cioè, i dibattiti linguistici. Da Dante “padre della lingua italiana” agli umanisti snob spregiatori del volgare, dal Bembo primo e vincente normatore della lingua della letteratura alle dure polemiche settecentesche tra...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi