Finché c’è harem, c’è speranza

“Ripartiamo insieme”, dice Angelino Alfano a Silvio Berlusconi

Finché c’è harem, c’è speranza

Angelino Alfano (foto LaPresse)

Angelino Alfano dice a Silvio Berlusconi “ripartiamo insieme”. Lo dice a proposito della Sicilia dove alle imminenti elezioni regionali tutto il centrodestra può tornare unito, alfaniani compresi che – giusta centralità moderata – a Palermo sono stati stampella, sostegno, protesi e pannolino dell’uscente Rosario Crocetta, il nefasto governatore. Alfano chiede altresì che il Cav. gli tolga la fatwa e questo ultimo dettaglio è proprio bello: tanti ne avuti di copricapo, Berlusconi – il colbacco, il casco edile, il berretto da marinaio, la bandana – ma il turbante ancora no. Ma finché c’è harem, c’è speranza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    31 Luglio 2017 - 09:09

    Sono curioso di vedere come andrà a finire la vicenda siciliana tra Alfano e compagni. Da osservatore debbo dire che nel centrodestra c'è grande confusione, come al solito e poca coerenza. Ho letto un'intervista di Musumeci dove costui dichiara che tra le decisioni prioritarie figura il ripristino delle province. Davvero il centrodestra è di un'incoerenza senza pari, considerato che è dal 1970 che chiede l'abolizione delle province, enti inutili. E' un esempio ma si potrebbe proseguire, a dimostrazione di cosa non si fa per una poltrona in più

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    29 Luglio 2017 - 11:11

    Alfano proclama di non essere alleato di Renzi al governo del paese, ma solo un collaboratore. Precario ed a part time, s'intende. Nell'interesse non suo ma dell'Italia, sia ben chiaro. Anche del governatore Crocetta non e' stato alleato, ma semplice collaboratore. Sempre precario ed a part time, nell'interesse non suo ma della Sicilia, s'intende. Sarei curioso di sapere se tali collaborazioni siano state retribuite con voucher. Politici, s'intende. Quegli altri economici sono finiti fuori legge, sempre con la collaborazione di Alfano e affini. D'altra parte il suo partito, come ha solennemente Alfano ribadito urbi et orbi, non e' alleato di nessuno ma e' pronto a collaborare con tutti. Nell'interesse dell'Italia questa volta non l'ha esplicitamente detto, ma si capiva.

    Report

    Rispondi

  • pia.banchelli

    29 Luglio 2017 - 10:10

    Alfano il questante. Prendimi, sarò tuo fino al prossimo tradimento. Pia Banchelli

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    29 Luglio 2017 - 10:10

    "Vieni avanti...pannolino"

    Report

    Rispondi

Servizi