Il tramonto del maschio. Cosa c'è lunedì nel Foglio

Si fa presto a lapidare un Weinstein, ma spesso l'uomo, braccato da femministe e donne in carriera, per sopravvivere nella gender-neutral society deve rinunciare a se stesso. Sesso, figli, matrimonio, una vita in ritirata. Un’indagine

Loading the player...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    30 Ottobre 2017 - 11:11

    Da quando la genetica ha sostituito il maschio con la banca del seme ,il genere umano ,sezione femminile ,ha compreso che l'utero è divenuto la nuova agorà.lds

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    30 Ottobre 2017 - 11:11

    evviva

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    30 Ottobre 2017 - 11:11

    Altro che tramonto ,il maschio sconfitto e ridotto a pungiball. Da quando la genetica ha mostrato come la specie sopravvive a se stessa con una super banca del seme e uteri a disposizione a miliardi. il maschio è diventato una realtà virtuale o nel fact cheking un soprammobile. Si è iniziato con i toy boys ,la gnocca en plair air ad ogni occasione possibile .Il 90% della pubblicità marcia con l'esposizione di lati A-B-C delle femmine che pur oggetto si arricchiscono ,anche i quotidiani più austeri per dovere di cronaca qualche coscia ed altro sono costretti a mostrare .Ed ora L'attacco epocale e forse finale ( una parte per il tutto) il maschio porco orco cavernicolo estraneo alla società civile e nelle definitiva immagine di ' Lei e il Fagotto' tradotto : una elegante silhouette con accanto una figura mezza scaciata barba da qualche giorno ,la bella e il mostro .Da una parte le sfilate di moda e dall'altra la bancarella degli abiti usati.Qualche bellone un pò gay

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    30 Ottobre 2017 - 09:09

    Adesso non esageriamo! Infatti le violenze sul caso Weinstein non hanno nulla a che vedere con il tramonto del maschio, anche se non mi pare il massimo denunciarle a distanza di anni. La dignità della donna vale in tutte le latitudini, anche nella carriera cinematografica e dello spettacolo in genere. Quanto al maschio ai miei tempi giovanili tr di noi si parlava solo di donne, di matrimonio e di figli. Il film "I basilischi" ha ben descritto la società di allora. Forse bisognerebbe tornare a quell'epoca e l non passare il tempo tra smartphone e fesserie del genere. Un'ultima cosa: non mi pare proprio che le donne in carriera o le femministe condizionino la vita dei maschi: ci sono milioni e milioni di donne, più belle, che sognano di sposarsi, di avere figli, etc.e così vale anche per gli uomini nei riguardi di queste donne.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi