Nemico, amico, padre

La grande competizione fra Martin e Kingsley Amis, che con amore volevano sconfiggersi

Nemico, amico, padre

Martin Amis. LaPresse/EFE

Infanzia? Quale infanzia? Io non ne ho avuta”, pare che Martin Amis abbia detto in reazione all’idea di Nabokov per cui i primi anni di vita di uno scrittore sono il suo “baule del tesoro”. Adulto, in effetti, Martin Amis sembra esserlo diventato troppo presto. Incomincia a pubblicare nel 1970 (ventunenne); quattro anni dopo, con The Rachel Papers, già è vincitore del prestigioso Somerset Maugham Award, lo stesso che suo padre aveva vinto nel 1955. A Martin viene assegnato meno...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi