Consip e Cpl Concordia, "un complotto contro le istituzioni”

“Tutti dovrebbero essere responsabili dei loro atti. Anche i pm”, ci dice Piero Fassino

Consip e Cpl Concordia, "un complotto contro le istituzioni”

Foto LaPresse

Roma. “Se non vi piace la parola complotto, che pure è calzante, diciamo che è una trama”, dice Piero Fassino. “Le dichiarazioni del procuratore Lucia Musti al Csm non lasciano margini a equivoci né a interpretazioni, tanto è vero che il contenuto di queste sue dichiarazioni è stato inviato alla procura di Roma per valutare se non ci siano ulteriori elementi di reato a carico di chi è già indagato. Ci sono delle persone che hanno depistato le indagini, indirizzandole verso il presidente del Consiglio e la sua famiglia. Come si definisce questo in italiano?”. Complotto, dice Fassino. Trama. “Adesso attendiamo l’accertamento rigoroso di cosa sia accaduto e quali siano le responsabilità. Fermo restando, ovviamente, che viviamo in uno stato di diritto, che le responsabilità sono individuali, e che dunque questi comportamenti gravissimi riguardano solo chi li ha commessi. E non l’Arma dei carabinieri, che è costituita da migliaia di persone che ogni giorno fanno il loro dovere con onestà e spirito di servizio”.

 

Tuttavia colpisce che Gianpaolo Scafarto, indagato, sia stato promosso maggiore. Dai vertici dell’Arma. “Non entro nel merito della promozione di Scafarto”, risponde Fassino. “Certo alla luce di quel che è accaduto qualche spiegazione andrà data. Diciamo che sarebbe utile sapere perché è stato promosso e sulla base di quali meriti. In Italia diciamo sempre che le promozioni non debbono essere automatiche, ma meritocratiche. Ebbene: quali sono i meriti di Scafarto?”.

 

Si parla d’intercettazioni contraffatte per mettere in mezzo Tiziano Renzi. La giustizia prima o poi stabilisce una sua verità, certo. Ma nel frattempo? “In poche ore abbiamo avuto, in questi giorni, la notizia dell’assoluzione di Clemente Mastella dopo nove anni e di Giorgio Orsoni, l’ex sindaco di Venezia. E in entrambi i casi quelle indagini portarono allo scioglimento degli organi di governo, a elezioni anticipate e al ribaltamento degli equilibri politici. Io sono stato ministro della Giustizia, e sono il primo a dire che l’azione della magistratura deve essere indipendente. E quando un magistrato ritiene di avere elementi per indagare è giusto e doveroso che lo faccia. Ma a maggior ragione è necessario che le indagini siano aperte sulla base di elementi sufficientemente fondati. Soprattutto quando si capisce che le conseguenze di quelle indagini vanno molto più in là delle responsabilità individuali dell’indagato. Ma investono le istituzioni”.

 


Piero Fassino (foto LaPresse)


 

Alcuni magistrati vanno avanti come elefanti nella cristalleria, poi si aggiungono i giornali e le tv. Così i processi si consumano in piazza, ancora prima di arrivare in Aula. “Da almeno venticinque anni, forse anche da prima, esiste un cortocircuito tra le indagini della magistratura e la pubblicità giornalistica delle indagini stesse. E’ un fenomeno che produce conseguenze sulle persone, e sulle istituzioni”, dice Fassino. Che aggiunge: “Giustamente a ciascuno di noi viene chiesto di essere responsabile dei propri atti. Ecco, credo che questo principio debba valere anche per i giornalisti e i magistrati”.

 

La politica usa le indagini come una clava da spezzare sulla schiena dell’avversario: i politici italiani, mediamente, sono garantisti con gli amici e giustizialisti con i nemici. “La Costituzione stabilisce il principio della presunzione d’innocenza. Ma questo principio si è rovesciato. Vige il principio della colpevolezza fino a prova contraria. Io dico che dobbiamo soltanto tornare alla Costituzione, che tiene insieme tre princìpi: indipendenza della magistratura, obbligatorietà dell’azione penale e presunzione d’innocenza”.

 

Ed è allora impossibile non chiederlo a Fassino; non crede che la sinistra, in questi anni, abbia qualche responsabilità nell’aver contribuito a diffondere una cultura delle tre narici? “Credo che l’intero sistema politico e mediatico porti questa responsabilità, e non mi pare addebitabile più di tanto a questa o a quella parte politica. Mi augurerei che le vicende di questi giorni convincessero a comportamenti più rispettosi delle persone e della Costituzione. Io ho guidato lo schieramento avversario a Berlusconi, e non ho mai usato le inchieste per sostenere la battaglia contro di lui. La politica è una cosa, la giustizia un’altra. Sovrapporle è un danno per entrambe”.

 

Basta la Costituzione, dice Fassino. Non serve una legge sulle intercettazioni? “Il problema delle intercettazioni non è lo strumento. Molti mafiosi, molti criminali, molti terroristi sono stati assicurati alla giustizia grazie alle intercettazioni. Il problema risiede nella loro divulgazione e nel loro utilizzo strumentale. Sui giornali abbiamo trovato intercettazioni persino quando non avevano nessun rilievo penale. Ancora una volta il problema è la responsabilità. Non c’è norma o legge che possa sostituire la responsabilità”.

 

Fassino difese l’ex sindaco Orsoni, adesso assolto. Da subito. “Ho sempre pensato che fosse una persona per bene, e mi fa piacere che sia stato riconosciuto”. Mastella non ricevette nessuna solidarietà dai colleghi di governo. “Non ricordo quel che accadde dieci anni fa, in ogni caso anche per Mastella doveva valere la presunzione d’innocenza”. C’è un diverso standard quando un politico è indagato? “Qualche anno fa, a Milano, furono mandati a processo dei medici d’una clinica in cui si facevano operazione fasulle. Ovviamente a nessuno venne in mente di dire che siccome c’erano dei medici felloni, allora tutti i medici erano felloni. Se invece un politico viene indagato, tutti i politici sono corrotti. Io rifiuto il doppio standard”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    17 Settembre 2017 - 14:02

    Al direttore . Verba volant, facta manent. Ben lo sa Salvatore Merlo. Il mondo virtuale: lo mostra nel suo effimero, il nostro modo consolidato d’intendere e fare politica. Ci sbudelliamo, anche esteticamente, senza limiti e pudori per andare al “governo” con l’assoluta prospettiva poi, di non poter governare. Attuare cioè il programma con cui s’è ottenuta la fiducia in Parlamento. Infatti, da noi le “opposizioni”, comunque pittate e collocate, s’impegnano esclusivamente ad impedire, che il governo in carica secondo Costituzione, possa conservare o accrescere il consenso degli elettori. L’osceno è che questa finalità è attivamente presente anche tra i vari componenti della coalizione di governo. E’ un baco storico che deriva dalla falla culturale dell’assenza del senso dello Stato e del bene comune e degli interessi generali. Italicae, iucundae res. Già, ma ora si vota.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    16 Settembre 2017 - 17:05

    Strana la vita. Quando sotto i ferri del circuito mediatico giudiziario c'era Berlusconi, in tutte le volte che è stato ingiustamente indagato sfido a trovere una dichiarazione, anche solo di presunzione di innocenza, fatta dai suoi avversari del PD. Che oggi gridano (gulp!) al "gombloddo" (copyright il Foglio). Povero Renzino, insidiato da quel Woodcock che dovrebbe permettersi solo di indagare Berlusconi o al massimo l'erede al trono Vittorio Emanuele. Ma visto che il nostro Renzino si è ben guardato da proporre una qualsivoglia riforma della giustizia (di cui non c'era traccia neanche nella bocciata riforma costituzionale), verrebbe da dire chi è (con)causa del suo mal... Infine, visto che neanche il CSM ha la volontà, immagino per motivi meramente corporativi, di fermare Woodcock, re delle indagini con assoluzione al processo, almeno che ci sia un briciolo di par condicio nella melma che schizza dal suo modo di operare.

    Report

    Rispondi

  • direzione

    16 Settembre 2017 - 17:05

    Piero Fssino non lo sa ? E' stato detto da un quotidiano: Scafarto promosso per la legge che regola le promozioni. Sono anni che si parla di merito nelle promozioni e negli stipendi valutando il merito e non l'anzianità, ma il concetto non è stato raccolto neanche nelll'ultima riforma scolastica. Fa pari con un altro concetto: collaborazione fra industriae scuola ma questa continua andare per conto suo

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    16 Settembre 2017 - 15:03

    Affaire Consip. Altro che Mani pulite e trappole a Prodi, non a Mastella, chiaro? altro che Noemi Letizia, Daddario, Montecarlo, Olgettine, ecc. Basta? No, bisogna aggiungere: “Chi si fa pecora il lupo lo mangia”. Non serve cercar di capire il perché sia potuto accadere. Si stanno già ripetendo gli stessi errori. Karma italico?

    Report

    Rispondi

Servizi