Dopo la morte di Liu Xiaobo

Pechino ha piegato il concetto di democrazia a sua immagine, e lo esporta in Asia

Dopo la morte di Liu Xiaobo

LaPresse/Reuters

Per molti anni, Liu Xiaobo non è stato soltanto il più importante dissidente contro il regime comunista cinese, è stato il simbolo che il sistema politico della Cina poteva cambiare. Nel 2010, quando ricevette il premio Nobel per la Pace, la notizia fu accolta negli ambienti filo democratici cinesi come una svolta. Finalmente il sostegno internazionale tanto atteso è arrivato, si stanno creando le opportunità per cambiare il paese e iniziare un processo di riforme democratiche. Come sappiamo, non accadde...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi