Aiuti umanitari e zona cuscinetto. La strategia di Israele in Siria

Secondo il Wsj, Gerusalemme sostiene gruppi contro il regime di Assad. L’escalation degli altri paesi coinvolti, dopo l'abbattimento del jet siriano da parte dell'America 

Aiuti umanitari e zona cuscinetto. La strategia di Israele in Siria

Rifugiati tornano in Siria per il Ramadan. AbacaPress

Milano. Cibo, medicine, carburante, ma anche soldi per pagare i salari delle truppe e le munizioni direttamente ai ribelli siriani oltre il confine. Per anni, Israele avrebbe rifornito in segreto gruppi armati che combattono contro il regime siriano di Bashar el Assad e che agiscono lungo quella linea di frontiera delle colline del Golan tra Israele e la Siria. Lo rivela il Wall Street Journal, che riporta le interviste ad alcuni combattenti e comandanti di forze ribelli siriane.    ...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi