Di Maio vuole risolvere la crisi della Libia con Maduro

L'insensata idea del vicepresidente grillino della Camera: affidare a Cuba e Venezuela una conferenza di pace tra le tribù libiche

Di Maio vuole risolvere la crisi della Libia con Maduro

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Il tentativo del Movimento 5 stelle di darsi un profilo di governo ha indotto Luigi di Maio a esibirsi, durante un viaggio americano, in affermazioni e giudizi di politica internazionale. Oltre alle solite chiacchiere pseudo pacifiste contro le missioni internazionali, si è lanciato in una proposta sulla crisi libica che lascia allibiti. Ha detto a un intervistatore della Stampa a Detroit che “i Paesi occidentali che hanno interessi petroliferi nel Paese non sono credibili per mettere insieme le tribù e le varie comunità locali. Noi proponiamo una conferenza di pace che coinvolga i sindaci e le tribù, mediata da Paesi senza interessi, tipo quelli sudamericani di Alba”. Alba è la alleanza bolivariana tra Cuba e il Venezuela, dove il presidente Nicolàs Maduro ha annunciato una riforma costituzionale che esautora il Parlamento. A parte che il Venezuela, membro dell’Opec, ha colossali interessi petroliferi, l’idea di affidare a un paio di dittatori comunisti la mediazione tra bande militari libiche è assolutamente insensata. Quello che però fa intendere è una legittimazione da parte dei 5 stelle del regime venezuelano, che, con la sua pretesa di far approvare la nuova costituzione da un’assemblea non elettiva ma scelta dal presidente somiglia un po’ alle tendenze grilline a sostituire la democrazia politica elettiva con consultazioni riservate alla cerchia scelta dal capo, e poi caso mai non dessero il responso desiderato, tranquillamente disattese e manipolate.

 

Tutti sanno che il problema libico, la tensione tra il presidente Fayez al-Serraj e il generale Khalifa Haftar (che, forse all’insaputa di Di Maio, si sono incontrati tre giorni fa a Abu Dhabi) nasce dalla pretesa di quest’ultimo di detenere il comando delle forze armate senza controllo politico. Dietro Haftar c’è l’Egitto, dietro Sarraj un fronte internazionale ampio ma indeciso. Le tribù, in questa situazione caotica, non obbediscono a nessuno e cercano di lucrare sulla tratta degli immigrati o sulle sovvenzioni delle compagnie petrolifere. In queste condizioni la “conferenza di pace” proposta dal vice presidente dalla Camera non ha il minimo senso.

 

L’improvvisazione estemporanea, che è già difficile che serva a qualcosa nella politica interna, è assolutamente deleteria sullo scenario internazionale, dove si ha a che fare con poteri reali, non con utenti di un blog. È utile che i 5 stelle facciano sapere che idee hanno sulle questioni più complesse, nella speranza che anche chi li apprezza per i loro sberleffi ai poteri tradizionali e alla democrazia parlamentare, si rendano conto di quanto insulsa e pericolosa sia la loro interpretazione delle complicate dinamiche del mondo contemporaneo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    24 Maggio 2017 - 23:11

    Al solo vedere facce grilline nelle loro smorfie o peggio leggere le loro esternazioni, dal disgustoso vaffa del loro capo-belìn a scendere per tutti gli zibidei sottostanti, chissà perché mi viene automaticamente da pensare a quel segno profetico preannunciato: "quando vedrete l'abominio della desolazione sedere là dove non conviene..." c'è solo da allontanarsene più che si può. Fujre. Ohibò.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    05 Maggio 2017 - 19:07

    Ma no, è che Di Maio è convinto che Venezuela e Cuba confinino con la Libia.

    Report

    Rispondi

  • stef.boselli

    05 Maggio 2017 - 17:05

    Nella loro stupidità e crassa ignoranza, questi sono veramente di una pericolosità da non sottovalutare...

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    05 Maggio 2017 - 14:02

    Io ci manderei lui in Libia così magari lo cucinano col cuscus e se lo mangiano. Devono però stare attenti ai congiuntivi e sputarli subito. Sono letali.

    Report

    Rispondi

Servizi