Bombe contro le chiese cristiane in Egitto. Doppio attentato, più di 30 morti. L'Isis rivendica

La prima esplosione a Tanta, a nord del Cairo. Più tardi, un kamikaze si sarebbe fatto saltare in aria all'esterno della chiesa di San Marco ad Alessandria. L'Isis ha rivendicato. E a fine mese arriva il Papa in visita

In Egitto esplode una chiesa copta. Diversi i morti tra i fedeli

I soccorritori all'esterno della chiesa di San Giorgio, a Tanta

Roma. Due esplosioni hanno preso di mira le chiese cristiane in Egitto nella domenica delle palme, inizio della Settimana santa. Poco fa, all'esterno della chiesa cattedrale di San Marco, ad Alessandria, un attentatore suicida (secondo le prime informazioni delle forze di sicurezza locali) si è fatto esplodere, causando almeno 11 morti, anche se il bilancio è in costante evoluzione. All'interno dell'edificio di culto, il Papa copto Tawadros II stava presiedendo la liturgia della domenica delle palme, inizio della Settimana santa che porterà alla Pasqua. I feriti sono una settantina.

Qualche ora prima, un'esplosione aveva ucciso almeno 25 persone che si trovavano nella chiesa copta di San Giorgio, nella cittadina sul delta del Nilo di Tanta, a nord del Cairo. Le televisioni locali parlano anche di decine di feriti tra i fedeli riuniti per celebrare la domenica della palme. L'Isis ha rivendicato entrambi gli attentati, riporta Amaq, l'agenzia di stampa di cui il Califfato si serve di solito per divulgare i propri successi.

 

La minoranza cristiana dei copti è stata presa di mira più volte dagli estremisti islamici in questi anni. Gli attacchi sono aumentati con la rimozione dell'ex presidente dei Fratelli musulmani, Mohammed Morsi, in seguito al colpo di stato del 2013 da parte del generale, e attuale presidente, Abdel Fattah al Sisi, che ha poi dichiarato fuori legge la Fratellanza. Una mossa che ha radicalizzato le posizioni tra islamisti e cristiani, considerati dai sostenitori di Morsi tra i principali sostenitori del colpo di stato. Lo scorso 1° aprile un'altra bomba era esplosa davanti a un centro di addestramento della polizia. I feriti furono 16.

 

Se l'ipotesi dell'attentato fosse confermata, si tratterebbe del secondo attacco nei confronti dei copti nel giro di meno di quattro mesi, dopo quello di dicembre dello scorso anno, quando una bomba ha ucciso 25 fedeli nella cattedrale del Cairo. La polarizzazione religiosa nel paese rischia di crescere anche nei prossimi giorni, in vista del viaggio di Papa Francesco in Egitto previsto per il 28 e il 29 aprile prossimi.

* Aggiornato alle ore 14.55

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo schieppati

    09 Aprile 2017 - 14:02

    Ma il vero pericolo rimane Assad...

    Report

    Rispondi

  • nico.machi

    09 Aprile 2017 - 13:01

    Questa è la guerra sferrata dalle teorie evoluzioniste (non scientifiche, ma imposte come tali) contro il creazionismo della religione Cristiana. Vengono bene tutte le altre religioni, basta che non affermino la Creazione Divina. Soprattutto quella Islamica violenta e assassina e storicamente antagonista del Cristianesimo. La storia processerà questi assassini e li metterà al posto di loro competenza: il relativismo, della non certezza, dell'ignoranza, del terrorismo, della tirannia feroce, del pensiero unico e pilotato. .

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      09 Aprile 2017 - 18:06

      Per favore, ora l'islam sarebbe evoluzionista... ma smettiamola vi prego. L'unico motivo per cui alcuni intellettuali occidentali non vogliono guardare in faccia la realtà dell'islam è la fifa. E la seconda è che odiano l'occidente, ossia se stessi (con al speranziella che magari, convertendosi, potranno finalmente farsi tutte le studentesse che vogliono, leggersi Soumission).

      Report

      Rispondi

  • Giovanni Attinà

    09 Aprile 2017 - 12:12

    Anche se è difficile, la lotta contro il terrorismo e i fanatici religioosi dell'Islam deve unire tutti i popoli della terra.

    Report

    Rispondi

Servizi