L’economia di Israele è più forte dell’odio

Crescita e ricerca al top. Una strategia che batte ogni boicottaggio

L’economia di Israele è più forte dell’odio

Skyline di tel Aviv (foto via Wikimedia)

Il movimento di boicottaggio economico verso Israele, dei suoi prodotti e del suo lavoro, è tanto diffuso nei paesi europei quanto è assurda la motivazione a esso sottesa: minacciare la salute del cuore dell’occidente nel mondo arabo. Per quanto il boicottaggio sia dannoso per l’economia di Gerusalemme, la sua robusta crescita – la più forte dei paesi Ocse nel quarto trimestre 2016, al 6,2 per cento e con una  bassa disoccupazione al 4,3 – e le sue potenzialità di sviluppo superano di molto la potenza d’odio che paradossalmente vi si oppone da nazioni affini per storia e per cronaca, vedi i bollettini degli attentati islamisti sul suolo europeo.

 

Secondo l’Ocse, riporta Nature, nel 2015 Israele è diventato il primo paese-laboratorio al mondo: ha superato la Corea del sud, ora impelagata in scandali politici che intaccano i suoi vitali chaebol, per percentuale di pil investita in ricerca e sviluppo (4,25 per cento contro il 4,23 coreano). Inoltre, a differenza di Seul, Gerusalemme non ha sperimentato un “boom”, in quanto la quota di pil investita in innovazione nei settori chimico, tecnologico avanzato, nuove frontiere digitali, è rimasta alta e quasi costante nell’ultimo decennio. Una strategia che paga. La “Start Up Nation”, descritta nell’omonimo saggio del 2009, continua a sostenere l’imprenditoria, sia domestica sia internazionale, alleviando le costrizioni giuridiche e finanziarie per le imprese, attirando così investimenti e talenti. E guadagna nuove alleanze strategiche prima inedite, ad esempio quella con l’India alla quale offre expertise tecnologico sia militare sia agricolo. Per molti nemici ci sono altrettanti amici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi