“Risorghi!”. Chi oserà pronunciare un congiuntivo all'orazione funebre di Villaggio?

A che punto è la notte? Servirà il congiuntivo di scorta del professor Bellotti-Bon?

“Risorghi!”. Chi oserà pronunciare un congiuntivo all'orazione funebre di Villaggio?
Chi sarà tanto sfrontato da calare un congiuntivo in un’orazione funebre per Paolo Villaggio? Vadi pure ragioniere, procedi adagio verso la luce, risorghi! La questione non era ignota allo stesso Villaggio fin dai primi racconti di Fantozzi. Ai funerali del professor Vignardelli Bava, prematuramente scomparso all’età di novantadue anni, prende la parola per l’eulogia il collega professor Bellotti-Bon: “Se noi ora fuuu… e qui si bloccò. Si era trovato di fronte alla tragica barriera di un congiuntivo”. Non sa bene...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi