Una storia modella

Far diventare vere anche notizie false. Così il rapimento di una donna inglese manda in cortocircuito giornali e tv

Una storia modella

Chloe Ayling (foto Instagram)

Di sicuro c’è solo che l’hanno rapita. Su tutto il resto c’è confusione totale. O meglio ci sono alcuni elementi dati per certi e tantissimi altri che non tornano. La storia inizialmente è stata raccontata dagli inquirenti e dai protagonisti esattamente come la trama di un film di Luc Besson con Liam Neeson (“Io vi troverò”): una ragazza viene rapita e drogata da una organizzazione criminale internazionale per essere rivenduta come schiava del sesso agli sceicchi, ma per fortuna arriva...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    08 Agosto 2017 - 01:01

    Forse il vero succo della post verità non sono i fake, i fact checking, le bufale russe rispammate dalla Casaleggio. Forse il succo è che è vero ciò che ognuno vuole che sia vero perché comunque in rete si trova tutto e il contrario di tutto su tutto, e tutti parlano e tutti scrivono ma tra tutti quelli che parlano e scrivono non sa niente nessuno.

    Report

    Rispondi

Servizi