“Omofobo sarà lei”

Chi è Fochi, lo scienziato che ha “mandato all’Inferno” Boschi per difendere i bambini non nati

“Omofobo sarà lei”

Gianni Fochi (Foto LaPresse)

Gianni Fochi è quello che un qualunque vicino di casa definirebbe “un uomo tranquillo”. Anche se basta guardarlo per capire che non ha niente in comune con il personaggio interpretato da John Wayne nel 1952. Gianni Fochi è un ricercatore universitario della Normale di Pisa in pensione. O almeno lo era fino a tre giorni fa, quando, durante un incontro pubblico in ateneo con il sottosegretario Maria Elena Boschi sul tema delle pari opportunità, si è alzato e ha preso il microfono: “A me sembra che lei abbia equiparato il concetto di diritto a quello di desiderio anche per i desideri più distorti come le unioni omosessuali. Penso che Dante la metterebbe insieme con Semiramide che ‘libito fe’ licito in sua legge’. Io la invito piuttosto a battersi per i diritti degli esseri umani nascituri che non hanno diritto alla vita. Da quando è stata introdotta la legge 194 oltre 6 milioni sono stati ammazzati”.

 

Così Fochi è diventato l’uomo che ha “mandato all’Inferno” Maria Elena Boschi. Ed è entrato nel solito meccanismo fatto di video virali sul web, comparsate radiofoniche, processi più o meno pubblici. Pensare che questo signore classe 1950, figlio del linguista e saggista Franco Fochi, dal 1988 ha scritto per i principali quotidiani italiani, pubblicato libri, partecipato a trasmissioni televisive, “infiammato” (il virgolettato è del Tirreno) liceali con conferenze sulla chimica. Che è la sua materia di studio e che anche oggi, quando non deve occuparsi del nipotino, continua a divulgare con grande passione.

 

Chi gliel’ha fatto fare a uno così di criticare in pubblico il sottosegretario alla presidenza del Consiglio? “Confesso – racconta al Foglio – che avrei fatto volentieri a meno di espormi in questo modo. Non mi aspettavo certo questa reazione anche se alla fine dell’incontro, quando il giornalista di Repubblica mi si è avvicinato, ho cominciato a intuire qualcosa. Mi ha chiesto perché ero lì e se facevo parte di qualche associazione. Perché se dici certe cose devi subito essere incasellato in qualche gruppo omofobo”.

 

Lui, invece, è solo un professore in pensione. Uno scienziato. Credente certo, ma pur sempre uno scienziato. “Nel mio lavoro non ho mai nascosto la mia fede – prosegue – ma l’intervento che ho fatto durante quell’incontro non ha toccato alcun tema religioso. Boschi non ha risposto al nocciolo della mia obiezione. Il governo si è prodigato per far approvare la legge Cirinnà, ma nulla ha fatto per i diritti dei nascituri. E la difesa dell’embrione è una posizione scientifica. Si tratta di un individuo umano, con un Dna in parte diverso da quello della madre, e negarlo è una menzogna antiscientifica”.

 

Il rapporto tra scienza e fede

Anche per quanto riguarda “i desideri più distorti delle coppie omosessuali” Fochi ha le idee chiare: “Ciascuno ha la sua opinione, ma esiste tantissima letteratura antropologica e psicologica non mainstream che parla di questo. Non fosse altro che la natura è fondata sul rapporto maschio-femmina finalizzato a fare figli per la conservazione della specie”.

 

Situazione non unica, ma di certo piuttosto rara quella di essere scienziato e credente alla Normale di Pisa. “La storia – replica – è piena di scienziati profondamente religiosi: Galileo, Newton, Pascal, Mendel, anche la direttrice del Cern Fabiola Gianotti. Nessuna contraddizione quindi. Con i colleghi, in questi anni, ci sono state discussioni, confronti che mi hanno arricchito, ma niente di più”. Insomma per Fochi, nonostante la notorietà di questi due giorni, la questione è già chiusa: “Lunedì sono intervenuto anche per confortare le non poche persone che non la pensano come coloro che di solito si fanno sentire. Per far capire che non tutti seguono la corrente. Per contestare questa idea che si sta diffondendo che ogni desiderio corrisponde a un diritto”.

 

E poco importa che per farlo lui, pisano, abbia dovuto citare il “nemico”, fiorentino, Dante, che definì Pisa “vituperio de le genti”: “Diciamo che sono stato sportivo. Amo tantissimo Dante, è una delle mie passioni”. Chissà se i suoi concittadini gliela perdoneranno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ADL58

    14 Febbraio 2017 - 17:05

    10,100,1000 di questi Fochi. Elegante professore ma l'impari guerra contro il polcorzismo o il nazismo pol.corr. ha bisogno del Trumpettiere, così come per sconfiggere Hitler anche sir Winston, ricorse a STALIN.

    Report

    Rispondi

  • AlanBenjo

    13 Febbraio 2017 - 10:10

    Fa tremare i polsi sentire qualcuno che dovrebbe rappresentare l'eccellenza del mondo accademico italiano parlare con piglio ideologico dell'affetto altrui,riferendosi a "tantissima letteratura antropologica e psicologica non mainstream".Un non esperto di tali temi,come è Fochi -ma un esperto di chimica-, dovrebbe capire che occorre cautela.Se certe idee non sono "mainstrem" raramente sono avventurosamente innovative,ma più spesso squalificate da inquinamento ideologico.A Fochi va ricordato il "non mainstream" caso Stamina o la fantasiosa "memoria dell'acqua" (ad interesse omeopatico) del "non mainstream" Benveniste.Quando si parla di temi delicati,di salute,di affetto,la cautela dovrebbe essere d'obbligo.Il "non mainstream" dice tutto e il contrario di tutto.Uno scienziato dovrebbe cercare la verità,non appigli alle sue lotte ideologiche e se vuole lasciare il solco della comunità scientifica per lidi bizzarri,ricordarsi che Galileo aveva costruito un telescopio,non frottole.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    11 Febbraio 2017 - 17:05

    Inutile e scorretto prendersela con la Boschi. Quella sulle unioni civili e' una legge approvata dal parlamento italiano.

    Report

    Rispondi

    • caterina.scarsini

      13 Febbraio 2017 - 14:02

      Approvata con qualche forzatura (vedi voto di fiducia su una legge che, anche per le sue conseguenze, interpella coscienze e visione dell'uomo) e nessuna attenzione verso la manifestazione delle famiglie che hanno espresso il loro disaccordo al Family Day del Circo Massimo. Forse poi a Renzi e alla Boschi non ha portato bene: io e probabilmente molti altri che altrimenti li avremmo sostenuti nel tentativo di rinnovare le Istituzioni non li abbiamo votati al referendum e, ora che ne conosciamo le posizioni sui temi etici, non li voteremo mai più.

      Report

      Rispondi

Servizi