Roma, ultimo stadio

Un altro No ideologico della Raggi, un’altra mazzata sui denti alla città

Roma, ultimo stadio

Foto tratta da www.stadiodellaroma.com

Il comune di Roma si sta specializzando in rifiuti, purtroppo non quelli che continuano a riempire le strade della capitale, ma in rinunce e bocciature di qualsiasi grande investimento, automaticamente bollato come “speculazione”. Dopo il “no” alle Olimpiadi, che forse non sarebbero state un ottimo affare per il paese ma che per la Capitale avrebbero rappresentato un flusso netto di investimenti, l’amministrazione Raggi ha deciso di delimitare il proprio recinto ideologico piantando un altro No, stavolta allo stadio della Roma a Tor di Valle.

 

No a tutto, perché tutto puzza di speculazione e corruzione. Così l’amministrazione grillina prima ha chiesto la proroga di trenta giorni della Conferenza dei servizi per valutare meglio il progetto e, praticamente in contemporanea, l’ha rigettato. “Il parere unico di Roma capitale sul progetto definitivo è non favorevole”. Le obiezioni burocratiche sollevate dal Campidoglio sono la sicurezza stradale, il traffico e il rischio idraulico, ma le motivazioni reali sono state esposte più volte dall’assessore all’Urbanistica Paolo Berdini, il grande nemico dello stadio: “Se ci sono i tre mostri (le torri dell’archistar Libeskind, ndr) non si fa, le grandi opere fanno male alla salute”.

Lo spirito che muove le scelte dell’amministrazione è ben sintetizzato da un intervento pubblico dello stesso Berdini: “Sullo stadio l’hanno presa sui denti”, una frase poi smentita ufficialmente dall’assessore, a sua volta smentito dalla diffusione della registrazione dell’audio (ah, lo streaming). Dopo il gran rifiuto sono intervenuti l’allenatore della Roma Luciano Spalletti (“Famo ‘sto stadio) e il capitano Francesco Totti (“Vogliamo il nostro Colosseo moderno, una struttura all’avanguardia per i nostri tifosi e per tutti gli sportivi!”), a cui ha risposto il sindaco Virginia Raggi: “Caro Totti, ci stiamo lavorando. Ti aspettiamo in Campidoglio per parlarne”.

 

Quella che sembra un’opera che riguarda la Roma è in realtà un progetto di riqualificazione urbana (a carico dei privati) che riguarda la città diRoma: nuovo quartiere degli affari, prolungamento della metro B, nuovo parco fluviale, miglioramento idrogeologico e potenziamento delle infrastrutture in una zona che versa nel degrado. Berdini e la Raggi avranno scagliato il loro No contro gli “speculatori”, ma alla fine chi l’ha preso sui denti è stata la città.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • michelangelo

    07 Febbraio 2017 - 12:12

    Chi non fa non sbaglia. Oramai è il tacito slogan della P.A. italiana e Roma ne è il centro. Tutto a posto madama la Marchesa

    Report

    Rispondi

  • Giulieo

    06 Febbraio 2017 - 21:09

    Perfetto, da una parte c'è l'urbanista e docente universitario Polo Berdini, dall'altra l'allenatore Luciano Spalletti e il calciatore Francesco Totti (studi interrotti dopo sei anni di scuole medie inferiori) entrambi stipendiati dall'investitore del progetto stadio. Ce state a cojonà vero?

    Report

    Rispondi

Servizi