Il giornale del Papa attacca i dissidenti nella Chiesa

L'Osservatore Romano richiama all'ordine il clero spiegando cosa significa la "fedeltà" al Santo Padre

Il giornale del Papa attacca i dissidenti nella Chiesa

Il cardinale prefetto della Dottrina della fede, Gerhard Ludwig Müller (LaPresse)

L'ostacolo maggiorare al cambiamento, alla "conversione" che Papa Francesco sta chiedendo alla sua Chiesa? Il clero
"dissidente". A dirlo non è un pulpito qualunque, ma L'Osservatore Romano, quotidiano della Santa Sede, che ieri ha pubblicato un estratto del volume “Bellezza del gaudio evangelico. Al centro della vita Cristiana”, di Giulio Cirignano. La pubblicazione del testo (il volume è uscito un mese fa, il 20 giugno ndr) è arrivata a 24 ore di distanza dell'intervista rilasciata al Foglio dal cardinale Gerhard Ludwig Müller. “Io sono sempre stato leale con il Papa - aveva detto l'ex prefetto della congregazione per la Dottrina della Fede -, come richiede la nostra fede cattolica, la nostra ecclesiologia”.  

 

Nel brano si critica l'atteggiamento di “ostilità e chiusura” di buona parte del clero e si legge: “Il Sinedrio è sempre fedele a se stesso, ricco di devoto ossequio al passato scambiato per fedeltà alla tradizione, povero di profezia”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carloalberto

    24 Luglio 2017 - 14:02

    E se "profezia" fosse stato invece ascoltare Benedetto XVi e lasciar perdere i rottami degli anni Settanta oggi al potere nella Chiesa?

    Report

    Rispondi

  • Caterina

    Caterina

    23 Luglio 2017 - 14:02

    Linguaggio duro ed arrogante questo di don Cirignano. Attacca, disprezza. Un linguaggio poco cristiano, se mi permette.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      24 Luglio 2017 - 16:04

      Da un Vyšinskij (nel senso di Andrej Januar'evič) che si aspetta ?

      Report

      Rispondi

  • nobody

    23 Luglio 2017 - 13:01

    Posto che mi trovo d'accordo al 100% con quello che ha detto Muller, non riesco a trovare un collegamento tra l'articolo dell'Osservatore Romano e l'intervista. Forse è colpa della mia ingenuità. Tuttavia, la seconda parte dell'articolo è totalmente incentrata sul "livello culturale modesto di parte del clero", di cui ovviamente non si può accusare il cardinale. Ripeto, faccio fatica a trovare questo nesso.

    Report

    Rispondi

Servizi