I dubbi che fa sorgere il caso Consip

Esiste una sorta di struttura parallela, e illegale, nell’Arma? Un sospetto da fugare, speriamo. Ma con la massima urgenza e trasparenza possibile

I dubbi che fa sorgere il caso Consip

Foto LaPresse

Non c’è solo la notizia che riguarda il pm Henry John Woodcock a movimentare e rovesciare il quadro dell’inchiesta Consip. C’è dell’altro che già si trovava sui giornali di ieri prima che nel pomeriggio si diffondesse la notizia della iniziativa della procura di Roma nei confronti del loro collega napoletano e della giornalista Federica Sciarelli. Nel traffico delle mail dell’ormai famoso capitano Giampaolo Scafarto i pm romani hanno trovato intercettazioni girate al servizio segreto estero, l’Aise, non solo relative alla indagine Consip e al padre di Renzi ma anche a un dirigente dei sevizi, Marco Mancini che non risulta indagato nella vicenda. Il problema però non sta tanto nella palese violazione del segreto quanto nella possibile identità del destinatario finale, un non meglio precisato “capo”. All’Aise lavora attualmente il colonnello Sergio De Caprio, il capitano “Ultimo” che dal Ros era passato al comando del Noe, fino a quando nel 2015 venne pubblicata la telefonata fra Matteo Renzi e il generale della Guardia di Finanza Adinolfi, intercettata nell’ambito di un’altra inchiesta del pm Woodcock gestita operativamente dal Noe. Fu allora che De Caprio venne rimosso dal comando del nucleo. Le nuove mail trovate trovate a Scafarto levano ogni ragionevole dubbio sulla possibilità di un errore nel verbale che lo ha fatto indagare ma ne fanno sorgere un altro. Esiste una sorta di struttura parallela, e illegale, nell’Arma? Una sorta di super-Noe? Un dubbio da fugare, speriamo. Ma con la massima urgenza e trasparenza possibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    28 Giugno 2017 - 12:12

    Bordin da ottimo radicale nella tradizione della sinistra più radicale fiuta poteri paralleli anche se anch'io so che l'Arma qualche volta è andata fuori strada ( caserma Pastrengo) ma ipotizzare , oggi, una Arma dei CC e sotto un'altra con poteri occulti è fiction estrema. Da ottimo cronista giudiziario sa che gli ufficiali di polizia giudiziaria sono pupazzetti in mano dei pm come lo sono anche i vari reparti scientifici delle varie polizia che compilano i verbali sotto dettatura e in caso di diniego sono cestinati. Nel mondo tribunalizio è fatto notorio.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    28 Giugno 2017 - 11:11

    Chi di servizi 'deviati' ferisce, di servizi deviati continua a servirsi. Mi piacerebbe reincarnarmi in un lettore del Foglio tra mille anni per andare a vedere come è andata a finire sui grandi Misteri d'Italia, cioè di Pulcinella.

    Report

    Rispondi

  • bstucc

    28 Giugno 2017 - 10:10

    Ma insomma, cosa c'entra il NOE (reati ecologici) in un'inchiesta finanziaria?

    Report

    Rispondi

Servizi