Così in Spagna è iniziata la "persecuzione" dei maschi

L'amministrazione comunale di Madrid ha vietato di star seduti a gambe larghe sui mezzi pubblici. In sé il divieto è ragionevole, ma irragionevole è la strada che ha portato al divieto

Così in Spagna è iniziata la "persecuzione" dei maschi

Quando andrete in Spagna e vi perseguiteranno perché siete maschi, sappiate che tutto è iniziato in questi giorni: l'amministrazione comunale di Madrid ha vietato di star seduti a gambe larghe sui mezzi pubblici. In sé il divieto è ragionevole, inutile sindacare, ma irragionevole è la strada che ha portato al divieto. È bastata infatti una petizione del gruppo femminista “Donne in lotta e madri stressate” contro l'invasione machista dello spazio (testuali parole); pare che stare a gambe larghe sia una pratica strettamente correlata al possesso di testicoli e al desiderio di non schiacciarli bensì d'imporli al mondo circostante per mezzo di proterva divaricazione. In ragione di ciò, lo star seduti comodi costringendo altrui in metà dello spazio necessario si chiama manspreading: ossia l'aprire le gambe proprio ed esclusivo dei maschi, ovvero l'aprire le gambe perché si è maschi. Ciò pone alcune trascurabili questioni teoriche. Anzitutto: un generalizzato e secco divieto di aprire le gambe, rivolto a maschi e femmine, non avrebbe sortito lo stesso effetto concreto se non addirittura maggiore? Poi: siamo sicuri che sia saggio proibire una pratica il cui nome anglofono, traducibile tutt'al più con un forzato arzigogolo, denuncia trattarsi di un concetto astruso e artificiale? Soprattutto: se ad aprire le gambe fosse una donna, sarebbe colpevole di manspreading o la passerebbe liscia poiché sprovvista di testicoli? Non lo sapremo mai, poiché chi ha protestato diffondendo immagini di donne stravaccate su più sedili contemporaneamente è stato accusato di sessismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    13 Giugno 2017 - 18:06

    Giustissimo. I maschi non hanno nulla mostrare, le femmine sì e ancestralmente istintivamente alias dna devono mostrare gli attributi. Purtroppo impegnato in seduzioni non fatto in tempo a chiedere a Claude levi-Strauss Or è qualche tempo che come ti rigiri c'è qualche donna nuda che protesta o abbindola i fuchi sul red karpet. Viva il plen air e sfatiamo false leggende . Il maschio ora guarda il sedere delle femmine un tempo voleva accertarsi che non patissero di rachitismo e avessero il bacino largo per favorire la espulsione del feto . Poi il largo uso, in quasi tutte le comunità che coprivano troppo le nudità , negli spettacoli protagonista la belloccia di turno, dell' esortazione " faccela vedè" deriva dall'intichissimo controllo del maschio per non impalmare un trans o gender ( non disdegnando una relazione). Volevo fare uno scoop scrivendo che la Cirinnà aveva in mente il matrimonio trino. Un trio di argentini la battuta sul tempo.

    Report

    Rispondi

  • lisa

    13 Giugno 2017 - 18:06

    A Madrid hanno bisogno di una legge contro la maleducazione? Lo scappellotto della nonna era meglio, raggiungeva lo scopo ed era gender free ( o meglio ti poteva raggiungere a prescindere dal sesso).

    Report

    Rispondi

Servizi