Pare che in Romagna abbiano trovato la cura omeopatica contro l'omosessualità

Si chiama Ovaria e c'è da sperare che sia una bufala. Ma il dato certo sono i motivi dell'indignazione che ha scatenato

Pare che in Romagna abbiano trovato la cura omeopatica contro l'omosessualità

In Romagna sono dei mattacchioni, pertanto è auspicabile sia una bufala la storia di Ovaria, rimedio omeopatico venduto nelle farmacie litoranee onde curare “irregolarità mestruali, disturbi del climaterio, deficit di memoria, depressione, complesso di inferiorità, enuresi notturna, tendenze lesbiche, oligospermia e congestioni”. Vero o falso, non importa. Ai nostri fini conta invece la reazione di scandalo collettivo scatenatasi all'idea di curare le tendenze lesbiche con un trattamento omeopatico da assumersi 4-6 volte al dì: idea orribile, ma non tanto per il fatto (come tutti hanno notato) che l'omosessualità non sia una malattia.

 

Certo che non lo è, e quindi non c'è niente da curare; ma reputo molto più grave l'idea che una medicina possa fungere da dissuasore del libero arbitrio. Mi spiego. L'attività sessuale è determinata dal modo in cui incanaliamo un istinto naturale: è un atto, e come ogni atto è frutto della libertà che si gode e di come la si esercita. La fame è un istinto, scegliere cosa mangiare è un atto (comunque gioioso), dichiararsi vegani è una tendenza, ossia una costruzione intellettuale. L'eros è un istinto, scegliere come fare sesso è un atto (comunque gioioso), dichiararsi appartenenti a una categoria sessuale e trasformare l'erotismo in appartenenza o militanza è una tendenza, è costruzione e artificio che ne limita libertà e bellezza. La storia di Ovaria ha una sua morale intrinseca non tanto nel fatto che l'omosessualità non sia una malattia quanto nel dettaglio non trascurabile che l'omeopatia non sia medicina, così come il sesso non è una tendenza. Questa storia è tutta un placebo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzolodigiani

    16 Febbraio 2017 - 21:09

    Caro Gurrado, mi piace condividere con la certezza che l'omosessualità non sia una malattia e che l'omeopatia non sia medicina. Tutto il resto e' una scia chimica.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    16 Febbraio 2017 - 18:06

    E' una bufala senz'altro ma qualche anno fa girò la notizia secondo cui una equipe di ricercatori di un paese orientale non ben identificato stava cercando una "cura" per l'omosessualità sia maschile che femminile.

    Report

    Rispondi

Servizi