I fascisti secondo Bifo e Revelli

Resta solo il problema di come trasformare Ilaria D’Amico in Leni Riefenstahl

I fascisti secondo Bifo e Revelli

Francesco Berardi

“Tendiamo a pensare che i nazisti di oggi, quelli come Marco Minniti, abbiano in mente una strategia, degli obiettivi feroci ma chiari, e li perseguano con coerente determinazione. Non è così, perché il nazismo dell’epoca Minniti è diverso dal nazismo d’antan. E’ la ferocia del panico, è la violenza cieca del caos, è il nazismo che deriva dalla confusione mentale”. Così ragiona il simpatico Francesco Berardi, detto Bifo. E lo studioso Marco Revelli, d’altra parte, aveva appena assimilato Minniti al fascista Orbán. Fin qui tutto bene, dunque. Resta solo il problema di come trasformare Ilaria D’Amico in Leni Riefenstahl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • pia.banchelli

    09 Agosto 2017 - 17:05

    Bifo, magari sbaglio, da una vita fa l'agitatore. Revelli ha avuto in eredità il cognome del padre. Li accomuna una vaga ignoranza della storia. Pia Banchelli

    Report

    Rispondi

Servizi