cerca

Israele, una democrazia che merita rispetto

A Gerusalemme si vota, a Ramallah regna Abu Mazen. L'articolo del Times of Israel 

29 Aprile 2019 alle 12:59

Israele, una democrazia che merita rispetto

Foto LaPresse

“Caro Mondo, questa settimana in Medio Oriente accade una cosa incredibile” scrive Michael Dickson. “Tienilo presente, perché i tuoi mass-media potrebbero non raccontarla in questo modo. Milioni di cittadini, uomini e donne, indipendentemente da sesso, etnia o religione, vanno alle urne. Queste elezioni autentiche e totalmente libere si svolgono in una società democratica, sotto il controllo di un sistema di informazione indipendente, aperto e senza limitazioni. Verranno fatte scelte libere, la voce dei cittadini verrà ascoltata e il governo cambierà di conseguenza. La cosa sorprendente è che tutto questo non sarà per nulla sorprendente, poiché queste elezioni si tengono qui in Israele esattamente come si sono tenute sin dal momento in cui venne istituito lo stato ebraico settant’anni fa. Cerca Israele sulla carta geografica, zooma all’indietro e vedrai quanto questo fatto è unico e speciale. Nonostante le sanguinose convulsioni della “primavera araba”, Israele rimane un’isola diversa dai suoi vicini, come è sempre stato: è ancora l’unica vera democrazia in Medio Oriente, e una democrazia solida.

  

A nord di Israele, il governo libanese è pregiudicato da Hezbollah, l’organizzazione terroristica al servizio dell’Iran che fa parte del governo al potere, mentre la Siria va avanti con l’atroce massacro di centinaia di migliaia di suoi cittadini, e la società chiusa iraniana, che ha appena celebrato quarant’anni dalla rivoluzione islamista, ha prodotto una serie di elezioni palesemente truccate. A est di Israele, un regno giordano dove si tengono elezioni solo parzialmente libere e che sente sul collo il fiato delle rivoluzioni arabe scivolate nell’islamismo. A sud, un Egitto non democratico dove i cristiani temono per la propria vita e ogni critica viene soffocata. E non si dimentichi il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen), il cui mandato di quattro anni è scaduto più di dieci anni fa e non si vedono elezioni all’orizzonte. Né Gaza i cui abitanti, nonostante le recenti proteste contro il dominio dittatoriale, continuano a vivere sotto il pugno di ferro di Hamas che schiaccia ogni dissenso. Ora zooma di nuovo su Israele, l’unico paese ebraico al mondo, nel quale ogni cittadino esercita la facoltà di dire la propria su chi sta al governo. Giustamente Israele non si paragona ai paesi confinanti della regione, ma alle democrazie liberali che hanno un paio di secoli di esperienza democratica alle spalle. Non ci saranno foto commoventi di israeliani che gioiscono per il loro diritto di votare: qui in Israele è un diritto che diamo per scontato. Caro Mondo, questa settimana accade una cosa straordinaria in Israele. Come per tutti i risultati di elezioni vere, potrai gradire o non gradire i risultati. Ma Israele è un esempio eccezionale di autogoverno democratico: dovresti celebrarlo o rispettarlo”.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi