cerca

Le bufale no-vax non sono più gratis

A Modena la prima condanna agli antivaccinisti per procurato allarme: avevano riempito la città di manifesti con dati falsi

13 Luglio 2018 alle 13:35

Le bufale no-vax non sono più gratis

Protesta contro l'approvazione del dl sui vaccini obbligatori (foto LaPresse)

Una rappresentante del movimento no vax di Modena, Magda Piacentini, è stata condannata a pagare 400 euro di multa per procurato allarme. Si tratta della prima sentenza di questo tipo in Italia. I fatti risalgono allo scorso febbraio quando a Modena vennero affissi numerosi manifesti che recitavano: "Non speculate sui bambini, vogliamo la verità sui danni dei vaccini - 21.658 danneggiati nel triennio 2014-2016 secondo i dati Aifa". I cartelloni erano stati commissionati nell'ambito di una campagna contro i vaccini promossa dalle associazioni ''Riprendiamoci il pianeta-Movimento di resistenza umana'' e ''Genitori del No Emilia-Romagna''.

      
I dati riportati sui manifesti, e attribuiti all'Agenzia italiana del farmaco, tuttavia non erano corretti. A segnalarlo era stata l'Ausl di Modena, che aveva diramato una comunicazione – e successivamente presentato un esposto – per denunciare che quei numeri non si riferivano ai bambini che avevano subito danni dai vaccini, ma al totale delle segnalazioni sospette. "Si tratta di contenuti ampiamente dimostrati falsi e artefatti, la cui diffusione rappresenta un pericolo per la salute delle nostre comunità", aveva sottolineato l'Ausl.

   

I no vax, a quel punto, avevano ammesso l'errore tramite un post sul web, firmato dalla stessa Piacentini, che diceva: "Preso atto dell'errore e segnalato pubblicamente, siamo ricorsi subito al riparo; in giornata o comunque a breve, i cartelloni saranno corretti e un nuovo comunicato stampa sarà inviato. Lo stiamo facendo con la maggiore tempestività e pubblicità che ci sia possibile, sapendo bene di non essere esenti da possibilità di errore, ma con la certezza più assoluta di essere esenti da mistificazione e propaganda". Ma per il gip di Modena, Paola Losavio, che ha emesso il decreto di condanna, il reato di procurato allarme era già stato commesso. La sentenza è comunque impugnabile, tuttavia sul web c'è già chi la definisce "un punto fermo", "le bufale non sono più gratis". "Questa sentenza rappresenta un'affermazione importante, perché un'autorità
giudiziaria ha riconosciuto che la critica non legittima la falsificazione di dati di realtà – sottolinea il professor Vittorio Manes, che aveva presentato l'esposto per conto dell'Ausl di Modena – specie quando questo genera allarme nei cittadini, condizionando in modo distorto la consapevolezza collettiva su problemi delicati come quelli delle vaccinazioni e della loro utilità per la salute pubblica".

 

"Prendiamo atto con soddisfazione della decisione del giudice. Uno dei nostri principali impegni come Azienda sanitaria è quello di una corretta informazione sui temi che riguardano la salute", ha dichiarato all'Agi il direttore generale dell'Azienda Usl di Modena, Massimo Annicchiarico. "E' fondamentale presidiare la comunicazione e far sì che iniziative di disinformazione o addirittura mistificatorie come quella oggetto della nostra denuncia – ha spiegato Annicchiarico – non minino il rapporto di fiducia dei cittadini con il servizio pubblico e, soprattutto, con i professionisti che quotidianamente sono impegnati nelle attività vaccinali, frustrandone e, di fatto, impedendo il perseguimento della tutela della salute individuale e collettiva". Secondo il direttore generale dell'Azienda Usl di Modena l'informazione corretta basata su "inoppugnabili evidenze scientifiche e su milioni di vite salvate nel mondo rappresenta un dovere etico e deontologico per le Aziende sanitarie che hanno nella tutela della salute pubblica il proprio mandato istituzionale, così come la corretta informazione scientifica in tutte le pratiche cliniche".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    13 Luglio 2018 - 22:10

    Questi dicono 'di non essere esenti da possibilità di errore, però si accreditano detentori assoluti della scienza e della coscienza, e poi sbagliano nel riportare dati elementari, e casualmente a loro favore come il salumiere nel darti meno resto del giusto. Tutto già visto e rivisto.

    Report

    Rispondi

  • ilgimmi62@alice.it

    ilgimmi62

    13 Luglio 2018 - 17:05

    Vedremo quando la sentenza sarà in giudicato. sul web poi se ne dicono tante, come ben sapete al Foglio (anche se poi non pubblicate commenti che non sono fedeli alla "Linea", vecchio vizio sinistrorso) aluti

    Report

    Rispondi

Servizi