Goduria capitale

Giuseppe Fantasia

Abbiamo le allucinazioni per colpa del caldo? No, a Roma anche l’inimmaginabile diventa realtà. Pensate a “Tiberis”, lo stabilimento “balneare” aperto a Ponte Marconi e nato – solo nei sogni della Raggi – sul modello di Paris Plage. Tra cemento, pantegane, bagni chimici già pieni e maschi con lo slippino, erba di riporto e ombrelloni. Pura goduria “alla romana”. Grazie a Massimo Ciavarro e a Laura Delli Colli, scappiamo a Lampedusa dove il cinema non c’è più, ma da dieci anni ci arriva col festival “Il Vento del Nord”. In camicia, jeans bianchi e infradito, l’uomo più desiderato degli anni Novanta ci porta in giro per l’isola con lo scooter. Terence Hill con stivali da cowboy è con Pietro Bartolo, il medico dei migranti; Carolina Crescentini con Max Vado, Michela Andreozzi e una donna piena di consigli, Danila Confalonieri, responsabile promozione cultura Siae. Shopping esilarante fino all’una di notte con Sabrina Impacciatore in tacchi a spillo, che saccheggia le bancarelle con l’amica Rita tra selfie e autografi. Con l’ironia travolgente di Iaia Forte e dell’avvocato Cristiano Tommasi (se c’è un personaggio trash su Instagram, lui lo segue, la Mosetti è avvisata), andiamo in Abruzzo, a Pescasseroli, dove il pr Paride Vitale festeggia il compleanno con gli amici più cari in attesa della prima edizione di ArteParco, un progetto di arte sostenibile nelle Foreste Vetuste, già patrimonio Unesco, che si inaugurerà con un’opera del designer Marcantonio. La più chic, anche se ha la scritta Barbie sulla felpa, è Helen Nonini, nota brand advisor e ambasciatrice di Pomellato. La sua battuta –“alla feste di Milano ci si va ormai solo per i camerieri” – e il suo rimedio approvato dal padrone di casa – “servire pasta e fagioli con una mug” – sono già cult.

 

Decima edizione #ilventodelnord #lampedusa #carolinacrescentini #nadiakibout #lacalandraresort

Un post condiviso da massimociavarro (@massimociavarro) in data:

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.