(foto LaPresse)

Meglio i ragazzini cacciatori che i ragazzini fan di Achille Lauro

Camillo Langone

In Africa gli ottenni abbattono animali, in Italia guardano il cantante in tutina aderente

Sant’Uberto, patrono dei cacciatori, proteggi il ragazzino di otto anni (etnia veneto-boera) che nei giorni scorsi ha abbattuto il suo primo impala. Non il suo primo animale (ne aveva già uccisi altri, più piccoli): il primo impala. Non dirò il nome dell’intrepido, né la zona dell’Africa australe in cui è stato abbattuto il grosso esemplare di sesso maschile, dalle temibili corna, e di certo non diffonderò la foto che mi ha girato lo zio orgoglioso: oggi le masse odiano gli eroi, la caccia, la prodezza… Nella foto il giovanissimo cacciatore ha il volto cosparso di sangue di impala, come prevede l’iniziazione afrikaans completata poco dopo col cibarsi dei testicoli dell’animale, debitamente cucinati. In Italia cosa fanno gli ottenni? Guardano Achille Lauro cantare in tutina aderente mentre la mamma inforna la torta veg? Ovvio che i cinghiali invadano perfino le autostrade... Sant’Uberto, patrono dei cacciatori, proteggi questo ragazzino col fucile, speranza della civiltà.

Di più su questi argomenti:
  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).