cerca

La questione pedofilia è la porta degli inferi che preme contro la Chiesa

Non è l’amore verso le vittime, a muovere gli indignati: è l’odio verso il tempio del Dio vivente

23 Febbraio 2019 alle 06:00

La questione pedofilia è la porta degli inferi che preme contro la Chiesa

Scritte contro i preti sul portale della chiesa di San'Alfonso di Torino nel 2008 (foto LaPResse)

La questione pedofilia è la porta degli inferi che preme contro la Chiesa. Nemmeno vorrei parlarne, dell’incontro in Vaticano sul tema, da tanto mi nausea la genuflessione ecclesiastica al mondo, il tentativo di salvarsi autoaccusandosi, incolpando la condizione clericale anziché la condizione omosessuale. Nemmeno vorrei parlarne ma ho il dovere di ricordare cosa scriveva René Girard in “Vedo Satana cadere come la folgore”: “Le vittime più degne di attenzione per noi sono quelle che ci permettono di condannare i nostri vicini”. I reclamanti, uomini del risentimento che non considero fratelli in Cristo siccome non seguono il Gesù di Matteo 5,25 né il Paolo di Prima Corinzi 6,1-7, interessano soltanto perché permettono la presente demolizione della Chiesa. Non è l’amore verso le vittime, a muovere gli indignati: è l’odio verso il tempio del Dio vivente. Prego di vedere anch’io Satana cadere come la folgore, e sprofondare assieme a tutti i partecipanti di questo sabba.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lucaderocco

    25 Febbraio 2019 - 20:08

    Attaccare la Chiesa Cattolica e’ ormai una squallida consuetudine. Tutte le altre fedi sembrano stranamente immuni. Gesù fu crocifisso e quindi si capisce una certa predisposizione al martirio. Comunque omosessualità e pedofilia si incrociano ma non combaciano. E nonostante io aborri la pedofilia, quest’ultima è spesso citata a sproposito. Con stima. Luca

    Report

    Rispondi

  • giuseppek

    23 Febbraio 2019 - 10:10

    Caro dott. Langone, Lei ha ragione. Guardando però le cose dal punto di vista del tempo che scorre, molte persone iniziano a pensare seriamente che si potrebbe tranquillamente accettare per il futuro almeno l'idea di poter fare completamente a meno di un "apparato di pensiero e potere" che dopo millenni di esercizio ci presenta in si tale disastroso bilancio. Non Le pare?

    Report

    Rispondi

Servizi