cerca

Lunga vita al selfie

Grazie al diluvio di immagini digitali, immateriali, che sta affogando l’artisticità della fotografia, la pittura sta ridiventando centrale

14 Aprile 2018 alle 06:00

Lunga vita al selfie

Foto Pixabay

Si apprezzi la postmodernità laddove favorisce la premodernità. In “La furia delle immagini. Note sulla postfotografia” (Einaudi) l’artista e saggista catalano Joan Fontcuberta mi rincuora: “La fotografia ha solo provocato nella pittura un cambio di rotta, ma non l’ha espunta dalla mappa; tutto il contrario di ciò che è successo tra la postfotografia e la fotografia, perché quest’ultima sembra essere stata fagocitata”. Dunque le cose stanno tornando al loro posto. La pittura, compresa la pittura di ritratto che al sopraggiungere della fotografia aveva effettivamente sbandato, sta ridiventando centrale. Grazie alla postfotografia, ossia al diluvio di immagini digitali, immateriali, che sta affogando la credibilità, l’autorialità, l’artisticità della fotografia. Si apprezzi il selfie siccome, ormai è appurato, fa il gioco dell’olio su tela.

 

Perché lo scatto che ha vinto il "World Press Photo" rappresenta più di ciò che mostra

"Burning Man" è la foto dell'anno: l'ha scattata il fotografo venezuelano Ronaldo Schemidt e ritrae un ragazzo in fiamme, José Victor Salazar Balza, colpito dall'esplosione del serbatoio di una motocicletta della polizia a Caracas

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • travis_bickle

    16 Aprile 2018 - 11:11

    Mah, io direi che la pittura e' ormai relegata in una nicchia cosi' piccola da sfuggire ai radar delle mode culturalie artistiche. Un po' come come il vinile: c'e' chi lo compra ancora.

    Report

    Rispondi

  • perturbabile

    15 Aprile 2018 - 09:09

    Artisticità della fotografia: ma è vero?

    Report

    Rispondi

Servizi