cerca

Lupo Rattazzi ci dice perché ha deciso di finanziare il partito di Renzi

Ricordate il Pri? Cinquantamila euro al nuovo partito dall'imprenditore, che qui spiega cosa lo spinge a sostenere l'ex premier

18 Settembre 2019 alle 08:29

Lupo Rattazzi ci dice perché ha deciso di finanziare il partito di Renzi

Lupo Rattazzi (foto LaPresse)

Roma. Sessantasei anni, abito blu, camicia azzurra, Lupo Rattazzi, nipote dell’avvocato Agnelli, riceve ai Fori imperiali a Roma ma lavora a Milano, dove dirige la Neos, compagnia aerea privata, dopo aver fondato la Air Europe. “E’ vero, ho donato cinquantamila euro al nuovo partito di Renzi”, confessa Rattazzi, una compagna californiana, due figli. “Ma non è né la prima né l’ultima volta che lo farò”, dice Rattazzi, che effettivamente figura nell’albo dei donatori del nuovo misterioso organismo renziano, insieme al...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Michele Masneri

Michele Masneri è bresciano e vive prevalentemente a Roma. È editor at large di Rivista Studio, e scrive schizofrenicamente di economia, cultura e società oltre che sul Foglio, su IL del Sole-24 Ore, su Style del Corriere della Sera. Come molti italiani ha scritto un romanzo, si chiama "Addio, monti", non c'entra con l'ex premier, ed è edito da minimum fax.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi