cerca

Ma quale Tangentopoli

Le nuove inchieste sulla politica non illuminano sistemi ma la crisi dei partiti

10 Maggio 2019 alle 06:14

Ma quale Tangentopoli

Una protesta del Centro Sociale Cantiere presso la Regione Lombardia (foto LaPresse)

La semplificazione giornalistica, che non brilla per originalità, ha battezzato come “nuova Tangentopoli” la serie di episodi di corruzione su cui si indaga dalla Lombardia alla Calabria. In realtà tra i fenomeni dell’inizio degli anni Novanta e quelli odierni c’è una differenza considerevole, e non solo quantitativa. Allora si trattava di un sistema complessivo di finanziamento irregolare dei partiti, che erano dominanti nella vita politica e condizionavano strettamente quella economica attraverso un’ampia rete di aziende pubbliche e il controllo delle maggiori banche di livello nazionale. Ora si assiste a iniziative individuali di qualche esponente politico non certo di primo livello (i coinvolgimenti dei presidenti delle giunte regionali appaiono del tutto trasversali) che cerca di ottenere qualche vantaggio inserendosi nei traffici di qualche imprenditore avventuroso. Allora qualcuno diceva che rubare per il partito è un’aggravante, oggi si dovrebbe pensare che chi ha (sempre che sia provato, naturalmente) rubato per sé meriterebbe un’attenuante?

 

Dalle prime informazioni di queste nuove indagini emerge soprattutto lo sfilacciamento dei partiti, una ricerca di vantaggi individuali che nasce anche dalla sfiducia nell’organizzazione politica, e un isolamento determinato dalla poca fiducia degli stessi partiti nei loro rappresentanti locali. Da questo punto di vista tali fenomeni sono l’opposto di quelli di Tangentopoli, in cui era proprio la forza anche eccessiva delle organizzazioni politiche a premere e spremere sulle aziende per ottenere finanziamenti non dovuti.

 

Se Tangentopoli era la nemesi della partitocrazia arrogante e onnipotente, oggi si assiste invece a una specie di “si salvi chi può” dal naufragio del sistema dei partiti. Non è facile dire se questo processo sia inarrestabile come fu quello di allora, ma è interessante coglierne le peculiarità, che sono più indicative del solito scandalismo moralistico che fa di tutte l’erba un fascio.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Medicaid

    10 Maggio 2019 - 10:10

    Tangentopoli non è stato solo un modo per finanziare i partiti ma è stata anche in notevole misura una modalità per piccoli o grandi o smisurati arricchimenti personali. Così giusto per dire. Grazie per il vostro lavoro e saluti

    Report

    Rispondi

Servizi