cerca

I paradossi virtuosi del governo dei bari

La manovra fiduciata in modo furbesco è come la valigetta del cancelliere dello Scacchiere: ora la responsabilità è loro

2 Gennaio 2019 alle 06:07

I paradossi virtuosi del governo dei bari

Giuseppe Conte e Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Un illustre quirinalista ha scritto di un “circolo virtuoso del bene” a proposito del messaggio 2019 del presidente Mattarella. Il ricevimento di Maria Rosaria Coppola, ché i nostri fiori non bastarono ad abbracciare a nome di tutti colei che ha interrotto la scena isterica di un salviniano dicendogli “tu non si’ razzista, si’ ‘nu stronzo”, era nei nostri auspici, e fu commendevole. In attesa che il circuito si estenda ai povericristi salvati dal mare e sballottati tra le tempeste delle...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Skybolt

    02 Gennaio 2019 - 17:05

    Colgo la delusione di non avere sentito Mattarella fare fuoco e fiamme conto il governo che lui stesso ha creato. Coraggio, più buoni sentimenti. i migliori angeli della nostra indole, come li chiamava Lincoln...

    Report

    Rispondi

  • zucconir

    02 Gennaio 2019 - 14:02

    Adda passa' a nuttata.....

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    02 Gennaio 2019 - 13:01

    Caro Ferrara - Così Eugenio Scalfari: “Nel suo messaggio di fine anno il presidente della Repubblica Mattarella ha descritto come deve essere una nazione perfetta, nella quale tutti dovrebbero agire per il bene comune.” Evidentemente il “come dovrebbe essere” contemplava che non si affidasse l’incarico esplorativo alla coalizione che aveva ottenuto la maggioranza relativa nelle urne. Un passaggio “perfettamente costituzionale”. Evidente lo si sia voluti evitare. Al Colle e dintorni erano convinti che non si potesse lasciare il monopolio dell'opposizione al M5S. Come sarebbe andata non è dato sapere, ma una cosa è certa, ai piani alti si mirava ad una coalizione Pd-M5S. Il Royal Baby ha detto no. Il resto, escluse nuove elezioni, scontato. Un po’ buffo: Scalfari usa “nazione”. L’incarnazione della “sovranità” Bah, il convento non passa altro che …

    Report

    Rispondi

  • zucconir

    02 Gennaio 2019 - 07:07

    A da passa' a nuttata!

    Report

    Rispondi

Servizi