cerca

Lontano dalla politica, il cervello di Tremonti si è rimesso in cammino

Ora il brillante d’antan è divenuto un commentatore equilibrato. I sovranisti si dovranno accontentare di Rinaldi e Borghi

8 Novembre 2018 alle 06:20

Lontano dalla politica, il cervello di Tremonti si è rimesso in cammino

Giulio Tremonti (foto LaPresse)

Abbiamo un nuovo Tremonti, dico nuovo di zecca, e me ne compiaccio. L’ho intravisto, di un’eleganza un po’ antica e un po’ dandy, arbasiniana, quando era consulente del ministro delle Finanze Rino Formica, mio idolo della prima e unica Repubblica. L’ho rivisto nel governo del cambiamento, quello che nel 1994 ci diede l’alternanza, l’incarnazione del maggioritario, e una lunga stagione di riforme o azioni liberali in reazione ai progetti golpisti della magistratura militante, liberali nel linguaggio e nelle cose e nelle benedette successive leggi ad personam, scioccamente rifiutate da quella stessa sinistra che poi non è stata capace di impedire, anzi ha favorito, gli eventi attuali nazionalpopulisti e davighisti, una colpa che non cade in prescrizione perché non è oggetto di processo. Ora il caro Ezio Mauro si lamenta per Macerata, ma doveva pensarci quando spingeva contro la “casta” e faceva leva sul “comune senso del pudore” contro il nazionalpop e internazionalpop di Berlusconi e Bossi, molti anni prima della deriva dell’Impostore arancione. Mai una Repubblica fu abbattuta per l’irritazione moralistica contro una lap-dance. Cose che solo in Italia. Lui, l’Intravisto, nel frattempo si è fatto le ossa da ministro lavorando al Tesoro per far fuori il capo del governo, incessantemente, senza sbavature, per anni e anni, fino a che Napolitano, liberatosi di Trem come di un grimaldello arrugginito, ha messo al posto del Cav. il professor Monti, ed è cominciato un altro ciclo. Nell’intermezzo l’Intravisto, cioè Tremonti, ha scritto saggi brillanti contro l’Europa, l’euro, l’austerità, la globalizzazione, la sovranazionalità, il capitalismo con il turbo finanziario, i rischi fatali, il mondo cane rabbioso, e in nome delle partite Iva ha provato ad anticipare di qualche anno temi e stilemi dell’attuale sovranismo. Saggi brillanti, ma una carriera politica derelitta, finita nella fondazione di un partito con Vittorio Sgarbi e per programma Michelangelo Buonarroti, e ho detto tutto.

 

Ora il brillante d’antan è divenuto un commentatore equilibrato. Non crede che il cambiamento si possa fare con quelli che elevano inni al presidente Ping, barriere tariffarie eventuali a parte, con quelli che vogliono sbaraccare l’Europa, con quelli che hanno trasformato una dottrina critica in ideologia truce e del Truce. E scriveva al Corriere, proprio ieri, una correttissima lettera, piena di idee di nuovo brillanti, ma stavolta molto equilibrate, che fanno risuonare concetti già affidati alla Chirichessa in una precedente, magnifica, intervista al Foglio. Il nuovo Trem vuole che la Commissione, in nome e per conto di una razionale impalcatura di potere sovranazionale globalizzato, radicato nei mercati e nel mercatismo, si impegni a essere sé stessa e a funzionare nel senso della giustizia fiscale, che è un tema che riguarda anche i produttori in serie di dati, oggi si dice Data, e di algoritmi, si dice tuttora algoritmi. Riconosce a Bruxelles quel che è di Bruxelles, l’autorevolezza di una buona proposta di web tax e spera che esista la volontà di perseguirla. Trem è di nuovo un conservatore liberale illuminato da una mente eccelsa, con un tocco di socialdemocratismo che non guasta, sia detto senza ironia, da una cultura giuridica economica e storica a prova di bomba, e il suo cervello si è rimesso in cammino, finalmente lontano dalla malattia della politica e del comando, sulla via di Damasco, che passa per Parigi Berlino L’Aia e appunto Bruxelles. Congratulazioni vivissime. I sovranisti si dovranno accontentare del professor Rinaldi, e di quel Borghi, noi abbiamo recuperato, e poi dicono che le sconfitte non servono, la testa, almeno quella, del professor Tremonti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • DBartalesi

    08 Novembre 2018 - 12:12

    Da noi l'influenza populista si è diffusa dopo il crollo della Prima Repubblica, assumendo forme più o meno gravi e virulente. Quella berlusconiana è stata la prima e forse la più spettacolare, con quei sintomi che a volte ricordavano il satirismo. Poi altre metasmorfosi, ne ricordiamo alcune : la "giustizialista", la "renziana", la "grillina" (famosa per gli eccessi di parolacce simili alla sindrome di la Tourette), fino all'ultima e più grandiosa, la "sovranista". Lei caro Ferrara, dopo essersela beccata in forma tosta, grazie al Cielo è scampato alla prima. E anche il prof.Tremonti, che ne ha fatta più d'una,come nota acutamente pare definitivamente guarito. Buon segno per tutti. Vuol dire che il contagio sta lentamente passando. Che forse si può tornare a fare politica senza farlo "troppo strano".

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    08 Novembre 2018 - 10:10

    Congratulazioni a te, carissimo Giuliano, per questa riflessione molto acuta e intelligente attorno alle vicende di un governante intelligente che però non pochi danni si e’ procurato e ci ha procurato per l’ambizione di fare il premier dopo Berlusconi, o magari anche un po’ prima del naturale declinare della sua parabola. E mille grazie per avere ancora una volta reso onore all’intelligenza di Rino Formica, della cui amicizia anch’io, se permetti mi sono sentito sempre molto onorato e altrettanto orgoglioso. Grazie Giuliano per il dono di un lampo di bellezza ed umanita’ purtroppo dentro a un cielo cupo e tenebroso, sovraffollato da tanta brutta gente.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    08 Novembre 2018 - 08:08

    Detto da lei,sig. Ferrara, ci di può credere.Anche perché è l'unico a riconoscere che la vera Repubblica italiana è stata senza dubbio la Prima, quella che fondò l'Europa, e che oggi la terza Repubblica vuole distruggere.

    Report

    Rispondi

Servizi