Dimenticare Piero Chiara, parlando di Luino

Pietrangelo Buttafuoco

Letteratura, memoria e oblio

Su RepTv c’è un piccolo gioiello – è un mini documentario – su Luino: “il paese triste dove nascono i comici”. Un filmato di Francesco Gilioli sul piccolo centro del Lago Maggiore dove hanno vissuto Dario Fo, Massimo Boldi, Enzo Iachetti e Francesco Salvi. Nel racconto fa capolino la pioggia, la malinconia lacustre, quindi l’atmosfera rarefatta di un paesaggio tutto di attraversamenti perfetti per eroi in cappotto d’astrakan (siano essi contrabbandieri, banditi o perdigiorno persi di noia). Appunto, l’astrakan. Descrivere Luino – “e la vena ironica dei personaggi del luogo” – senza mai parlare del lievito di cotanta commedia, Piero Chiara, tra i più smaglianti monumenti della letteratura contemporanea, è ben più che un lapsus, è il segno di quella rimozione attraverso cui l’Italia diventa ciò che s’è ridotta a essere: la tana dell’oblio.

Di più su questi argomenti:
  • Pietrangelo Buttafuoco
  • Nato a Catania – originario di Leonforte e di Nissoria – è di Agira. Scrive per il Foglio.