Sabato e domenica nel Foglio. Che cosa c'è nell'inserto culturale del fine settimana

Redazione

Come tutti i weekend nel giornale ci sono dodici pagine di inserto culturale. Ecco che cosa trovate in edicola (e potete scaricare qui dalle 11 di venerdì)

 


 

- Il maquillage del potere - La caduta di Vincent Bolloré, detto l’Africano, non cambia gli equilibri tra i potenti di Francia Macron li sostiene ma, a un anno dalla sua elezione, deve battere l’illusione del tutto e subito - di Stefano Cingolani

 

- Sharia fondente - Un partito vuole fondare uno stato islamico in Belgio. E’ iniziata come un’allucinazione di Houellebecq: ora il paese del cioccolato la teme - di Giulio Meotti

 

- Farfalle sinistre - Il Labour inglese, il suo metodo, il bruco e l’ultimatum. Cosa ci dice di noi il progetto di Corbyn - di Paola Peduzzi

 

- Mai più dire no - Quando prevale la politica della protesta la decrescita vince sulla crescita. La dittatura del “senza” e l’alibi del rischio “zero” - di Alberto Brambilla e Stefano Cianciotta

 

- Cuba di miseria e dignità - Il castrismo eterno, le code per la carne. E un modello permanente di branding. Ritrovare l’isola e il suo mito - di Fabiana Giacomotti 

 

- Il corpo del re è un mistero gaudioso che resiste a ogni bufera - Il 19 maggio Harry, nipote di Elisabetta II, sposerà Meghan Markle, cenerentola americana di sicuro fascino e comprovato talento. Il ricordo di Diana e la monarchia più antica e spregiudicata del mondo - di Marina Valensise

 

- Come uno zabaglione amaro - Il trionfo del brutto a New York, datato ma sempre attuale. L’arte moderna che va in decomposizione e i ricchi che credono nel fantasma di un’avanguardia perpetua. Zibaldone di ritagli ingialliti dal tempo - di Ugo Nespolo

 

- Bamboccioni a chi? - Uno studio dell’Istituto Toniolo ribalta lo stereotipo del giovane italiano svogliato, sdraiato, menefreghista e disimpegnato - di Marianna Rizzini

 

- Dentro il vulcano - Una commedia dantesca ubriaca, una prosa lirica e furibonda Che cosa è stato tradurre il grande romanzo di Malcolm Lowry - di Marco Rossari

 

- Nuovo Cinema Mancuso, una pagina con le recensioni di Mariarosa Mancuso sulle ultime uscite nelle sale

 

- L'epica dell'ultimo minuto - Una stagione che si decide quando tutto sembra già andato. Emozionanti, spesso decisivi, i gol nel tempo di recupero sono diventati una costante. Una volta la chiamavano “zona Cesarini” - di Beppe Di Corrado

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.