cerca

Su Cappato si dovrà esprimere la Corte costituzionale

Nel processo sulla morte di Dj Fabo i giudici di Milano hanno deciso di chiedere il parere della Consulta per verificare la legittimità del reato di "aiuto al suicidio" 

14 Febbraio 2018 alle 15:21

Su Cappato si dovrà esprimere la Corte costituzionale

LaPresse/Claudio Furlan

Nè condanna né assoluzione. I giudici di Milano hanno sospeso il processo e deciso di rimettersi al parere della Corte Costituzionale per valutare la legittimità del reato di aiuto al suicidio contestato a Marco Cappato nel processo sulla morte di Fabiano Antoniani. Cappato è stato invece assolto dall'altra accusa, quella di "aver rafforzato il proposito suicidiario" di dj Fabo. "Non ha inciso sulla decisione di Antoniani di mettere fine alla sua vita", si legge nelle motivazioni della sentenza.

 

La verifica della legittimità costituzionale era stata suggerita dagli stessi Pm, che chiedono l'assoluzione di Cappato perché il fatto non sussiste. Secondo la lettura dei Pm una parte della norma che disciplina il reato di aiuto al suicidio potrebbe essere incostituzionale. Si tratta dell'articolo 580 del codice penale, che “non esclude la rilevanza penale della condotta di chi aiuta il malato terminale o irreversibile a porre fine alla propria vita quando il malato stesso ritenga le sue condizioni di vita lesive del suo diritto alla dignità”. 

 

La pronuncia della Corte Costituzionale, oltre a incidere sul processo a carico del presidente dell'Associazione Luca Coscioni, potrebbe rappresentare un precedente rilevante nella giurisdizione in materia di “fine vita”, già di recente riformata in seguito all'approvazione della legge sul testamento biologico. La pronuncia della Consulta è "un'occasione senza precedenti per superare un reato introdotto nell'epoca fascista", commenta in una nota l'associazione Luca Coscioni, un modo per consentire alle "persone capaci di intendere, affette da patologie irreversibili con sofferenze, di ottenere legalmente l'assistenza per morire senza soffrire anche in Italia, senza bisogno di dover andare in Svizzera". 

 

Antoniani, meglio conosciuto come Dj Fabo, è morto in Svizzera il 27 gennaio 2017. Cieco e paraplegico per via di un incidente in auto, ha scelto la strada del suicidio assistito chiedendo aiuto all'associazione Luca Coscioni. 

 

"Aiutare Fabo era mio dovere, la Corte costituzionale stabilirà se era anche un suo diritto, oltre che un mio diritto", è stato il commento di Marco Cappato all'ordinanza della Corte d'assise di Milano. L'esponente radicale si è detto "grato" ai giudici e ha aggiunto: "E' ora che la politica agisca". Il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano ha invece parlato di "un'ordinanza straordinaria e impeccabile" dal punto di vista giuridico.

  

Per approfondire:

La pietà per i suicidi e la differenza tra reato e peccato

I fuochi artificiali alla fine della cerimonia per ricordare Dj Fabo non sono la liberazione di un’anima che ha sopportato una umanamente ingiusta pena, ma l’illuminazione ideologica di un diritto dell’uomo

Nel silenzio più totale la Camera sta introducendo il suicidio assistito

Mentre i media sono concentrati sulle polemiche della maggioranza la legge sul biotestamento prosegue il suo iter. E scivola pericolosamente verso l'eutanasia 

Il medico di Eluana Englaro ci dice che una legge sul fine vita serve

Parla Carlo Alberto Defanti: "La nutrizione artificiale è una pratica medica e come tale può essere sospesa"

“Nella legge sul biotestamento c’è un chiaro orientamento eutanasico”

Il professor Mauro Ronco commenta il testo in discussione alla Camera: "Con la depenalizzazione si va verso un’abrogazione tacita del reato di aiuto al suicidio"

Cosa dice la legge sul testamento biologico

La legge vuole dare ai cittadini il diritto di scegliere a quali trattamenti sanitari essere sottoposti in caso non si fosse più in grado di intendere e di volere

Cosa insegna l’architettura di Sant’Ildefonso a chi ci andrà
per Dj Fabo

Molti hanno storto il naso all’annuncio della funzione religiosa. Curia e parroco precisano che non si tratta di un funerale. Che c'entra il luogo?

Sul fine vita è meglio lasciare le cose come stanno, senza inutili leggi

Biotestamento e questione morale. I confini invalicabili 

Il fine vita e il grande equivoco che confonde l’autonomia con la libertà

Solo una cultura malata può considerare insufficiente a vivere il miracolo dell’amore di Valeria per dieci anni al fianco del suo fidanzato Fabiano

Dj Fabo e la difficoltà di porsi domande sul mistero di un’esistenza che sembrava non avere più senso

Parla padre Vincent Nagle, il cappellano che incontrò Fabiano un anno fa. “Avrei voluto dirgli che su quel letto poteva scoprire ancora tantissime meraviglie”

La libertà di chi sceglie di vivere

Storie di ammalati che hanno detto di no alla morte assistita

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi